Fabbrico, si propone come consulente della ristorazione: ma è un truffatore

Denunciato un 40enne napoletano: nei guai anche la moglie 36enne che lo “spalleggia”. Truffa i concorso l’accusa mossa ai due coniugi dai carabinieri

FABBRICO (Reggio Emilia) – Si propone come consulente della ristorazione, ma si rivela un truffatore: 40enne napoletano denunciato dai carabinieri. Nei guai anche la moglie 36enne che lo ha “spalleggiato”: truffa in concorso l’accusa mossa ai due coniugi dai militari di Fabbrico.

Stava cercando un cuoco da impiegare nella sua nuova attività di ristorazione e così ha pubblicato un’inserzione su un sito di annunci incappando in un truffatore. Quest’ultimo, millantando conoscenze di chef stellati, si è proposto per fornire pretestuose consulenze e acquisto di materiale per l’attività di ristorazione. In questo modo ha ottenuto dal ristoratore oltre 8.000 euro che ha incassato senza ovviamente fornire le consulenze promesse, né tantomeno consegnare il materiale che aveva proposto per la vendita.

Per questo motivo i carabinieri a cui la vittima, un 30enne del paese si è rivolto, al termine delle indagini, hanno denunciato per truffa un 40enne napoletano. Nei guai è finita anche la moglie del truffatore, una 36enne residente nel napoletano, che ha spalleggiato il coniuge sostenendo, quando il trentenne lo cercava, che aveva contratto il Covid e poi che era stato arrestato. La donna è stata quindi denunciata alla stessa Procura per concorso in truffa.