Reggiana, un punto d’oro a Empoli: 0-0

I granata portano a casa un pareggio prezioso e tentano perfino il colpaccio nel secondo tempo in casa della capolista

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Nella città di Empoli i granata, reduci da due sconfitte consecutive con Frosinone e Brescia, trovano la via del pareggio. La Reggiana, nel corso del secondo atto, non ha saputo approfittare della superiorità numerica, complice lo schema tattico del “Catenaccio” adottato da mister Dionisi. Ora nella mente vi è solo la Reggina che si presenterà al “Città del Tricolore” domenica alle 12.30.

Primo tempo
Scende la pioggia sul green carpet dello stadio “Carlo Castellani”, di conseguenza la compagine di casa, al fine di proteggersi dalle intemperie, opta per la casacca idrorepellente del centenario color rosso vinaccia, dal canto suo la Reggiana veste la bianca tenuta da trasferta. Tornando al calcio giocato: l’Empoli, sin dal primo giro di lancette, prova a mettere sotto pressione la retroguardia granata che si salva in quanto il mirino toscano risulta sfalsato. Gli uomini di Alvini non si lasciano ipnotizzare dall’avversario, sta di fatto che Costa, una volta preso l’ascensore, impatta di testa la sfera la quale si spegne sul fondo. La partita improvvisamente si accende, ha inizio una vera e propria battaglia tra gladiatori nel cuore del centrocampo. A essere segnalato sul libro dei cattivi per primo è Romagnoli, reo di intervento falloso ai danni del sierraleonese Kargbo. In chiusura di sipario sul primo atto entrambe le formazioni, come pugili, continuano a scambiarsi colpi a raffica.

Secondo tempo
Si riparte, e il direttore di gara spedisce anzitempo sotto la doccia Romagnoli in quanto, per la seconda volta, abbatte irregolarmente il leprotto Kargbo. La Reggiana prende sempre più possesso territoriale andando così alla ricerca del tallone d’Achille del nemico, un’impresa che si rivela ostica. Vi è spazio anche per osservare la palla, colpita con la capoccia da Varone, lambire il legno alla sinistra di Brignoli. Giunge anche il momento della girandola delle sostituzioni. I due mentori gettano nella mischia forze fresche nel tentativo di vivacizzare sempre più il match, sta di fatto che ad arrivare è un punto prezioso per entrambi gli schieramenti. L’Empoli, contando su un bottino di 27 punti, si accasa in seconda posizione, la Reggiana non cade in zona rossa.

Il tabellino

EMPOLI F.C. – A.C. REGGIANA: 0 – 0

EMPOLI F.C. (4-3-1-2): Brignoli; Fiamozzi, Nikolaou, Romagnoli, Parisi; Ricci, Stulac, Haas; Moreo (dal 86’ La Mantia); Mancuso (dal 86’ Bajrami), Olivieri (dal 58’ Casale). A disposizione: Furlan, Pratelli, Pirrello, Viti, Zurkowski, Damiani, Baldanzi, Cambiaso, Asllani. Allenatore: Alessio Dionisi.

REGGIANA (3-4-1-2): Cerofolini; Costa, Ajeti, Gyamfi; Zampano (dal 69’ Cambiaghi), Varone, Muratore (dal 69’ Pezzella), Libutti (dal 80’ Kirwan); Radrezza; Kargbo (dal 87’ Voltan), Mazzocchi (dal 69’ Zamparo). A disposizione: Voltolini, Venturi, Martinelli, Gatti, Germoni, Marchi. Allenatore: Massimiliano Alvini.

Arbitro: Simone Sozza sez. di Seregno (Assistenti: Marcello Rossi sez. di Novara, Marco Della Croce sez. di Rimini. IV Uomo: Luca Massimi sez. di Termoli).

Note – Espulso: Romagnoli. Ammoniti: Zampano, Muratore, Pezzella. Angoli: 9 – 2. Recupero: 1’ pt. – 3’ st.

Più informazioni su