Il M5S: “Riaprire i punti nascita, priorità del territorio”

La consigliera Piccinini: "Anche in piena pandemia, ora la giunta faccia presto"

REGGIO EMILIA – Sulla riapertura dei punti nascita in montagna la Giunta Bonaccini “non perda ulteriore tempo e provveda al piu’ presto alla loro riapertura. E’ la priorita’ per il 2021, anche in piena pandemia”. Anche i 5 stelle con la consigliera Silvia Piccinini incalzano la Regione, dopo l’emendamento bipartisan al Defr approvato oggi all’unanimita’ in Assemblea legislativa.

“La riapertura dei punti nascita deve essere una delle priorita’ della Regione per il prossimo anno – afferma Piccinini – le mamme della montagna hanno atteso gia’ troppo tempo per poter vedere ristabilito il loro legittimo diritto alla salute e a un’assistenza sanitaria come quella di chi vive nelle altre zone dell’Emilia-Romagna”.

L’emendamento al Defr, sottolinea la 5 stelle, “ribadisce ancora una volta che la riapertura delle strutture di Pavullo, Porretta Terme, Castelnovo ne’ Monti e Borgotaro sono una necessita’ inderogabile, anche in piena pandemia”.

Per questo, insiste Piccinini, “e’ necessario che la Giunta non perda ulteriore tempo e provveda al piu’ presto alla loro riapertura. Come abbiamo ribadito piu’ di una volta, chi vive in montagna non puo’ continuare a vedersi negato un diritto fondamentale come quello alla salute e all’assistenza. E la nostra risoluzione approvata qualche mese fa, che chiedeva incentivi per gli operatori sanitari che lavorano nelle zone montuose e in quelle disagiate della nostra regione, serve proprio a ristabilire in modo chiaro e netto quel principio”, conclude la consigliera M5s.