Covid, nascono Usca per bambini positivi

Intesa Ausl-pediatri anche su somministrazione tamponi rapidi

REGGIO EMILIA – A Reggio Emilia nascono le Usca (unita’ speciali di continuita’ assistenziale) pediatriche. I pediatri di libera scelta, infatti potranno andare a visitare a domicilio i bambini positivi al Covid o di nuclei in cui un familiare e’ contagiato. Potranno farlo da soli, con un infermiere o aggregandosi alle Usca dell’Azienda sanitaria. Lo prevede un accordo siglato ieri dall’Ausl. I pediatri aderiscono al servizio in modo volontario e, dove e’ possibile, visiteranno i bambini che hanno gia’ in cura.

L’intesa prevede poi che i medici dell’infanzia potranno effettuare i tamponi antigenici rapidi, oltre a quelli molecolari che gia’ fanno ai bambini nei punti “drive”. Un secondo accordo con i medici di medicina generale prevede anche per loro l’esecuzione dei tamponi antigenici, al termine di un corso di formazione gia’ iniziato. Con la medicina generale l’Ausl ha avviato infine un altro corso di formazione nell’ambito di un protocollo per la “gestione territoriale e domiciliare dei pazienti covid”, per aiutare i medici a rispondere alle domande piu’ frequenti dei cittadini.