Covid, a Reggio c’è l’accordo per le vaccinazioni alle Fiere

Il sindaco Vecchi in Consiglio: "Un'operazione mai vista, la città è pronta"

REGGIO EMILIA – “È ormai raggiunto” l’accordo per la vaccinazione anti-Covid alle Fiere di Reggio Emilia, annuncia e conferma il sindaco Luca Vecchi oggi pomeriggio in Consiglio comunale. Nel corso del suo aggiornamento sull’emergenza, il sindaco cita l’intesa tra l’imprenditore proprietario del quartiere fieristico reggiano, Giorgio Bosi, e l’Ausl locale per “individuare in quella location luogo in cui verranno avviate dai primi giorni del 2021 le operazioni di vaccinazione”, puntualizza Vecchi ringraziando Bosi per la disponibilita’ del quartiere.

Gli atti amministrativi verranno assunti nei prossimi giorni, da parte sia dell’Ausl stessa sia della giunta comunale, per configurare “un hub importante di riferimento per le vaccinazioni”, continua il primo cittadino collegato in aula online parlando di “imponente operazione, del tutto inedita”. Si partira’ dunque con l’inizio del nuovo anno dal personale sanitario, per proseguire nelle settimane successive, “progressivamente”, con l’intera popolazione che vorra’ farlo.

Il piano e’ tutto definito dall’Ausl: le fiere non saranno l’unico luogo attrezzato alla causa in provincia, e’ probabile ce ne saranno altri in diversi distretti sanitari, ma di sicuro rappresentano il punto di riferimento della citta’. “Siamo 170.000 e il vaccino va fatto due volte, quindi pensiamo alla rilevanza organizzativo-logistica, e non solo medico-sanitaria, dell’operazione”, rimarca Vecchi. Che aggiunge: “È un risultato importante e la citta’ e’ pronta, quando nei prossimi giorni sara’ ora di cominciare il percorso, per uscire il piu’ rapidamente possibile dalla vicenda Covid”.