Quantcast

Questura, tre poliziotti indagati: sospesi dal servizio per un anno

Le accuse sono di falso in atto pubblico e depistaggio in relazione ad alcuni arresti

REGGIO EMILIA – Falso in atto pubblico e depistaggio. Sono le accuse di reato contestate a tre poliziotti della squadra Volanti della questura di Reggio Emilia – due uomini e un donna – ora sospesi dal servizio per un anno. La misura cautelare interdittiva e’ stata chiesta dalla Procura guidata da Marco Mescolini e accolta dal gip. Contestualmente, anche il questore Giuseppe Ferrari li ha sollevati con effetto immediato dal servizio.

L’inchiesta condotta dai sostituti procuratori Jacopo Berardi e Marco Marano e’ partita lo scorso aprile, quando i tre agenti hanno raccolto elementi a carico di due cittadini gambiani (poi arrestati), ritenuti responsabili di alcune rapine ai danni di passanti commesse nella zona della stazione ferroviaria di piazzale Marconi. Ma durante la detenzione dei presunti rapinatori alla Procura e’ arrivata una segnalazione che ha spinto l’attenzione degli inquirenti sull’operato degli stessi agenti che avevano effettuato gli arresti. Ad indagare sono stati i loro colleghi delle Volanti (Fonte Dire).