Quantcast

Quattro Castella, pusher navigato a soli sedici anni

Si aggrava la posizione di un sedicenne arrestato a settembre: documentate un migliaio di cessioni di droga

QUATTRO CASTELLA (Reggio Emilia) – Si aggrava la posizione di un sedicenne arrestato a settembre per detenzione ai fini di spaccio di circa due etti di stupefacente. I carabinieri di Quattro Castella hanno ricostruito un biennio di attività e hanno stroncato un giro che coinvolgeva anche studenti: documentate un migliaio di cessioni.

Da tempo i militari della stazione locale avevano messo gli occhi sul minore almeno da quando, in seguito a controlli, era stato notato anche con ragazzi più grandi di lui noti ai carabinieri per essere assuntori di droga. Per questo motivo a settembre era stato sottoposto a controllo e trovato in possesso di una decina di grammi di marijuana. I carabinieri erano poi andati nell’abitazione del giovane dove, in seguito a una perquisizione domiciliare, erano saltati fuori altri 150 grammi di marijuana che il ragazzo teneva insieme a un bilancino e a materiale per il confezionamento.

Il 16enne era stato arrestato con i militari che nel corso delle indagini hanno avuto modo di accertare che quella scoperta a settembre non era un’attività estemporanea. Nelle mani dei militari anche il cellulare del 16enne sequestrato durante l’arresto in quanto ritenuto il tramite dei contatti con i clienti. Nel corso degli accertamenti le indagini hanno permesso ai carabinieri di risalire a numerosi giovani frequentatori del 16enne. Hanno scoperto che il minore era dedito da almeno due anni a una continuativa attività di spaccio che vedeva tra i suoi clienti studenti anche di minore età. La posizione del minore si è quindi ulteriormente aggravata.

Secondo gli accertamenti condotti dai carabinieri di Quattro castella l’intraprendente minore avrebbe smerciato in due anni di “lavoro” circa un chilo di marjuana attraverso un migliaio di cessioni monetizzando nel tempo circa 10.000 euro.