Mafie, il Comune avvia il recupero crediti verso i Sarcone

Per l'Ici omesssa dalla società di famiglia condannata per 'ndrangheta

REGGIO EMILIA – Il Comune di Reggio Emilia avvia un’azione legale per recuperare dei crediti vantati verso la famiglia Sarcone, i cui componenti condannati in Aemilia sono ritenuti i referenti in Emilia della cosca di ‘ndrangheta Grande Aracri di Cutro. In Tribunale a Reggio e’ stata infatti fissata il prossimo 14 gennaio (nell’ufficio del giudice delegato) l’udienza per l’esame delle istanze di ammissione dei crediti vantati, che ricadono su beni confiscati riconducibili alle societa’ edili dei Sarcone “Terre Matildiche”, “World House”, “New Essetre” e “Sarcia”.

Tra i soggetti che si faranno avanti per reclamare quanto gli spetta c’e’ anche l’amministrazione comunale, che in particolare risulta creditore nei confronti della ditta “New Essetre” per un importo 8.685 euro, relativo all’omesso pagamento dell’Ici per l’anno 2014. Il mandato di presentare istanza di accertamento del credito (oltre che “di ulteriori altri crediti che dovessero essere nel frattempo accertati”, si legge in un provvedimento di piazza Prampolini) e’ stato conferito all’avvocato Berenice Stridi del servizio Legale.