Brutale aggressione a una coppia, donna violentata: cinque arresti foto

E' successo nelle campagne fra Novellara e Correggio. Concorso in sequestro di persona, violenza sessuale, violenza privata e lesioni personali aggravate, l’accusa mossa dai carabinieri reggiani a 5 nordafricani. La coppia è stata ricoverata in ospedale

REGGIO EMILIA – Brutale aggressione nelle campagne fra Correggio e Novellara in seguito alla quale cinque marocchini sono stati arrestati con l’accusa, in concorso, di lesioni personali aggravate, sequestro di persona, violenza privata e violenza sessuale.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri delle stazioni di Correggio e Novellara, che stanno lavorando insieme ai colleghi delle compagnie di Reggio Emilia e Guastalla, i 4 uomini arrestati, poco dopo le 23.30 di ieri sera, nei pressi di via Frassinara, tra Novellara e Correggio, utilizzando due scooter, hanno bloccato un’auto con a bordo un 47enne marocchino e la fidanzata, una connazionale 37enne e l’hanno aggredita violentemente con calci e pugni.

Poi, utilizzando dei coltelli, hanno sfregiato i volti ed le gambe delle vittime. La donna è stata poi trascinata con la forza fino ad una vigna vicina per violentarla, mentre l’uomo è stato lasciato sanguinante sul posto dell’aggressione. Successivamente la donna è stata fatta salire con la forza, dai quattro aggressori, a bordo di uno dei due scooter e portata in una vicina abitazione dove si trovava una 25enne marocchina, residente nel bresciano, che, con i 4 complici, ha partecipato alle ulteriori violenze fisiche e a sfondo sessuale.

Sul posto, per fortuna, sono arrivati i carabinieri delle stazioni di Correggio e Novellara che erano stati mandati lì dall’operatore del 112 che era stato informato da un cittadino che aveva visto la scena. Mentre passavano per le vie di Correggio hanno sentito le urla strazianti di una donna provenire da un’abitazione di via Canolo dove sono entrati fermando i 4 uomini e la complice che sono stati arrestati. Sono al vaglio dei carabinieri i motivi dell’aggressione. Le vittime, fortemente provate ma non in pericolo di vita, sono state portate al pronto soccorso dell’ospedale di Guastalla, per poi essere trasferite all’ospedale di Parma dove sono state ricoverate.

Nel corso della perquisizione domiciliare dell’abitazione dove sono avvenute le violenze i carabinieri hanno trovato e sequestrato abiti sporchi di sangue ed oggetti di proprietà della donna insieme a coltelli ed oggetti contundenti utilizzati per le violenze.

Gli arrestati sono il 29enne Mustapha Fadli, il 24enne Rafik Fadli entrambi irregolari sul territorio nazionale e domiciliati a Correggio, il 26enne Abdeljabar Lahouidag, residente a Noceto, il 43enne Mohamed Benabbou, domiciliato a Sant’Ilario e la 25enne Ghizlane Hassouni, residente a Montichiari, in provincia di Brescia. E’ ancora al vaglio dei carabinieri il movente che ha indotto i 5 cittadini marocchini arrestati a compiere la brutale aggressione. Le due vittime, a quanto pare, conoscevano i loro aggressori.