Asp in difficoltà, contributo di 2 milioni dal Comune

Per "compensare le rette dei centri diurni, chiusi per mesi e per azioni emergenziali di sanita' nelle Case protette"

REGGIO EMILIA – Un contributo di 2,1 milioni all’Asp “Citta’ delle persone”. E’ il dato che spicca nell’ultima variazione di bilancio del Comune di Reggio Emilia e giustificato, spiega l’amministrazione, dalla necessita’ di compensare le rette dei centri diurni, chiusi per mesi e per azioni emergenziali di sanita’ nelle Case protette. La situazione per Asp, confermano il sindaco Luca Vecchi e l’assessore Daniele Marchi, “si e’ complicata e sono in corso azioni di razionalizzazione e aggiornamento funzionale”.

Come per tutte le altre societa’ partecipate afferenti a settori particolarmente colpiti dalla pandemia, “non escludiamo il recupero delle risorse da Fondi statali dedicati”, aggiungono gli amministratori. Nella variazione di bilancio sono previsti quattro milioni di contributi alle societa’ di cui, in dettaglio, circa 260.000 euro ai teatri, 175.000 euro alla Fondazione nazionale della Danza, 298.000 euro alla fondazione Palazzo Magnani e 844.000 euro all’Istituzione Nidi e Scuole dell’Infanzia. E ancora: 300.000 euro a Farmacie comunali riunite (la contribuzione e’ in lieve aumento per accogliere minori non accompagnati, che sono registrati in aumento), 98.000 euro per l’Istituto musicale Peri e 50.000 euro alla fondazione Mondinsieme.