Via Paradisi, si apre la stagione del dialogo

Al via ciclo di incontri-confronto per "soluzione di permanenza"

REGGIO EMILIA – Dalle tensioni al dialogo. Il Comune di Reggio Emilia e il Comitato “Abitanti di via Paradisi” avviano un percorso di confronto per “definire strumenti condivisi” per garantire ai residenti oggi proprietari dei civici 6, 8 e 10 una soluzione che ne preveda la permanenza nell’area oggetto dell’intervento “902/Abitare Solidale”, in coerenza con gli obiettivi del Piano.

Il percorso coinvolge l’assessorato alla Casa, i servizi comunali competenti al progetto, Acer e una rappresentanza del Comitato. Il percorso prevede almeno tre incontri, a partire da lunedi’ 19 ottobre, con cadenza bimensile, per esporre proposte e strumenti per arrivare all’obiettivo, “con la possibilita’ di assumere anche contributi documentali elaborati dal Comitato”, specifica il Comune. Alla fine degli incontri si terra’ un’assemblea pubblica di restituzione del percorso fatto.

I contenuti delle riunioni e delle proposte formulate saranno comunque disponibili e accessibili a tutti tramite la pubblicazione dei verbali di seduta sul sito internet del Comune. Al percorso partecipera’ il Centro di mediazione sociale e dei conflitti. Il tutto e’ stato definito in un incontro preliminare svoltosi nei giorni scorsi in Comune con la presenza di Lanfranco de Franco, assessore a Casa e Partecipazione, Marco Corradi, presidente Acer Reggio Emilia, i funzionari comunali, Alessandro e Laura Scillitani in rappresentanza del Comitato Abitanti di Via Paradisi.

“Pur conservando visioni differenti sulla gestione del percorso nei mesi passati”, i partecipanti alla riunione, “hanno concordato sulla necessita’ di avviare da subito un confronto fattivo per una soluzione che garantisca un quartiere vivo, con attivita’ di carattere culturale e sociale, come precondizione necessaria per la tranquillita’ e sicurezza dei residenti”.