Via della Veza, tentata rapina: manda la barista all’ospedale

Un 29enne, che poi è stato arrestato, armato di siringa, ha intimato alla donna di consegnare l'incasso. Lei si è ribellata: è nata una colluttazione. Trenta giornidi prognosi per la donna

REGGIO EMILIA – Tentata rapina oggi pomeriggio, verso le 13,45, al bar Art & Cafè in via della Veza in pieno centro storico. Un 29enne, armato di siringa, ha intimato alla titolare del bar di consegnarle l’incasso della giornata. Davanti alla reazione della vittima è nata una colluttazione al termine della quale il malvivente è fuggito.

Sul posto è arrivata una pattuglia della Squadra Volante che ha rintracciato il rapinatore, trovandolo ancora in possesso della siringa, in via Pansa. L’uomo è stato fermato in compagnia di un’altra persona che, a sua volta, è stata trovata in possesso di 2 sciabole di medie dimensioni e di un coltello di piccole dimensioni.

I due sono stati portati in questura. Sono Gianmaria Gallo, 29 anni, con lievi precedenti di polizia e Z. A., 26 anni, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e contro la persona. Al termine degli accertamenti Gallo è stato arrestato per tentata rapina aggravata e portato in carcere, mentre Z.A. è stato denunciato per porto di strumenti atti all’offesa. La donna è stata portata al pronto soccorso da cui è stata dimessa con una prognosi di 30 giorni.