Quantcast

Un autunno intenso per il settore sportivo in Emilia-Romagna

Sono tante le novità in arrivo per il rilancio dello sport in Emilia Romagna. Dalle gare di MotoGP alle conferenze stampa con gli atleti, tutti questi eventi mirano ad aiutare la regione a risollevarsi tramite il sano agonismo e lo spettacolo

REGGIO EMILIA – Il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, prima di Settembre, ha presentato il calendario degli eventi sportivi che sono stati organizzati per rilanciare il territorio.  L’obiettivo è promuovere il sano agonismo e lo spettacolo, che potrebbero far ripartire il turismo e quindi l’economia del territorio emiliano e romagnolo

Ciò è importante anche da un punto di vista della salute pubblica, in quanto l’assistere alle popolari competizioni sportive spinge i cittadini ad essere più consapevoli dell’importanza dell’esercizio, fisico anche non per finalità agonistiche. Ancora più utile durante i mesi invernali in cui fisiologicamente il corpo è meno portato all’attività fisica, spingendo ad un frequente bisogno del sostegno di magnesio e proteine whey per rinvigorire i muscoli ed essere più attivi e vitali fisicamente e mentalmente.

Gli sport delle gare alle quali abbiamo già assistito e continueremo ad assistere e degli atleti che vedremo in TV o sulle maggiori piattaforme web saranno in totale ben 14: tra questi la MotoGP, il Gran Premio d’Emilia Romagna di Formula 1, che si è tenuto a Imola, e molto altro ancora. Inoltre, il Giro d’Italia farà a breve tre tappe proprio qui.

“Erano quattordici anni che non avevamo la Formula 1 qui da noi, si tratta di un onore. Anche la MotoGP è una grande occasione e ne avremo addirittura due. Faremo tutto quello che è possibile per poter permettere a quante più persone possibili di partecipare dal vivo alle competizioni, nel pieno rispetto però delle norme di sicurezza.

Questi eventi sono per il pubblico ed è giusto che ne godano appieno. Quello che vogliamo è dare loro un’esperienza indimenticabile, garantendo comunque il distanziamento sociale per evitare che si propaghi il contagio del virus.” Continuando riguardo a questo, il Presidente è convinto che riuscirà a realizzare i suoi propositi.

L’organo di governo regionale si sente sicuro di poter riuscire a trovare soluzioni, in piena sinergia istituzionale con i Ministeri competenti, idonee per ampliare la platea degli spettatori, pur dovendo fare i conti con i vincoli stringenti del decreto per la sicurezza per il contenimento dei contagi da Covid 19.

Questo potrà forse essere fattibile innanzitutto prediligendo gli stadi e i campi sportivi con posti a sedere,  perché è più facile controllare così la distanza tra le persone. Dopo la tragedia che ha colpito l’Italia e la chiusura temporanea delle attività durante il lockdown, ci voleva qualcosa che facesse tornare verso la normalità. “L’Emilia Romagna è un campione quando si tratta di eventi sportivi di portata nazionale” ha affermato Bonaccini, orgoglioso  di come si stiano gestendo le cose.

Lo sport potrebbe rivelarsi il perfetto strumento per riprendere il controllo sia della situazione finanziaria sia della quotidianità. Abbiamo bisogno dello spettacolo e della competizione per distrarci dai problemi e non voltare le spalle a noi stessi.