Tribunale, allarme del presidente: “Carenza di organico al 75%”

La presidente Beretti: "Mancano soprattutto funzionari e cancellieri"

REGGIO EMILIA – Alla vigilia di processi importanti come quello di oggi sugli affidi dei minori in val d’Enza, il rito ordinario di “Grimilde” contro la ‘ndrangheta (il 16 dicembre) e la partenza a fine novembre del procedimento legato all’inchiesta sulle false fatture con finalita’ mafiose “Octopus”, il Tribunale di Reggio Emilia e’ a corto di personale.

A lanciare per l’ennesima volta l’allarme e’ la presidente Cristina Beretti che dice: “La scopertura di personale ha raggiunto il livello di guardia” che, per alcune figure raggiunge il 75%. “Parlo delle figure piu’ alte, quelle che hanno potere di firma”, puntualizza Beretti, spiegando che “i funzionari sono 6 su 16 e per i cancellieri la scopertura e’ del 60% (56% nello specifico)”. Per “ora – conclude la presidente del tribunale – si va avanti sperando che non succeda niente di irreparabile. Vedremo”.