Operazione antidroga, sgominata banda di magrebini: un arresto a Rubiera

Diciannove in manette: spacciavano hascisc e cocaina fra Sassuolo, Modena, Carpi, Mantova, Reggio Emilia e Bologna. Sequestrati dieci chili di droga

RUBIERA (Reggio Emilia) – Un marocchino di 46 anni è stato arrestato a Rubiera nell’operazione Tiger che ha sgominato una banda di 19 magrebini che spacciavano hascisc e cocaina fra Sassuolo, Modena, Carpi, Mantova, Reggio Emilia e Bologna. L’operazione antidroga è stata condotta dai carabinieri della compagnia di Sassuolo, in collaborazione con i comandi dell’Arma locale e il supporto del nucleo cinofili e del 13esimo elinucleo di Forli’.

Sono finiti in carcere in tutto 19 magrebini, otto delle quali non in regola nel territorio nazionale, tutti gravati da specifici precedenti e ritenuti responsabili di concorso nella detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine, partita nell’ottobre 2019, coordinata dalla procura di Modena e condotta dai carabinieri di Sassuolo, ha consentito di smantellare un’ampia rete di spaccio operativa prevalentemente a Sassuolo, Modena e Carpi e poi fino a Mantova, Reggio Emilia e Bologna, in grado di movimentare varie quantita’ di hascisc e cocaina destinate a molti clienti.

Nel corso dell’attivita’ investigativa, erano gia’ state arrestate in flagranza di reato 18 persone con sequestri di sostanze stupefacenti per un totale di 10 chili. Finora sono stati arrestati 16 dei 19 indagati. Precedentemente erano state arrestate in flagranza di reato 18 persone, 2 denunciate a piede libero, e numerosi acquirenti sono stati segnalati amministrativamente in qualità di assuntori.

Complessivamente sono stati sequestrati 10 chili di droga tra marijuana, hascisc e cocaina e 127mila euro in contanti sequestrati. L’indagine ha permesso di documentare 4.500 episodi di spaccio con la movimentazione di circa 47 chili di stupefacente, per un complessivo giro di affari ipotizzato di oltre 5 milioni di euro.