Nascondeva due etti di cocaina a casa della sorella: arrestato

Detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti è l’accusa mossa a un 36enne napoletano: sequestrati due etti di droga

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Un 36enne napoletano è stato arrestato ieri dai carabinieri, per detenzione ai fini di spaccio, dopo che a casa della sorella, da cui era ospitato, sono stati trovati due etti di cocaina. L’uomo, cha ha dei precedenti specifici, è stato fermato, verso le 16, alla guida di una Dacia Sandero. Il 36enne si è mostrato preoccupato e così è stato sottoposto con esito negativo a un’ispezione personale che poi è stata estesa al veicolo.

Dato che era residente a Napoli i militari gli hanno chiesto dove avesse il domicilio a Reggio. “Sono ospitato da mia madre”, ha risposto. Una risposta che non ha convinto i carabinieri che, dopo aver controllato il suo smartphone, hanno visto su WhatsApp una conversazione vocale in cui, parlando con un amico, diceva: “Sono appena arrivato, ma sono a casa mia non a casa di mamma”.

Considerato che il 36enne fino all’aprile dell’anno scorso aveva fruito dei domiciliari in un’abitazione di Reggio Emilia, attualmente occupata dalla sorella, dove nel 2016 era stato arrestato per il possesso di quasi un chilo di marijuana, i carabinieri sono andati a casa della sorella e l’hanno perquisita. Nella camera dell’uomo hanno trovato due involucri di cellophane sottovuoto con dentro 220 grammi di cocaina. Un terzo involucro con 15 grammi circa di cocaina e due pezzi di hascisc del peso di circa 15 grammi.

Più informazioni su