Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Ema: “Al via iter ok a vaccino”. Speranza: “Resistere 7-9 mesi”

Conte: "Proporremo proroga dello stato d'emergenza' fino al 31 gennaio". Speranza: "Se ne discuterà in Parlamento molto presto". Fico: "Da quanto ho capito si protrarrà". Il premier ha ribadito che Quota 100 scadrà nel 2021 e fatto sapere che da oggi è in vigore la fiscalità di vantaggio per le aziende del Sud

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – L’Ema ha iniziato ad analizzare i dati del vaccino contro il Covid-19 messo a punto da AstraZeneca e dall’università di Oxford, il primo passo dell’iter di approvazione. Lo scrive la stessa agenzia europea del farmaco sul proprio sito, che precisa che è il primo candidato che arriva a questa fase. “L’inizio della ‘rolling review – spiega l’Ema – vuol dire che il comitato per i medicinali umani ha iniziato a valutare il primo set di dati, che viene dagli studi di laboratorio (non dai dati clinici)”.

L’inizio dell’iter, prosegue la nota, “non implica che una conclusione possa già essere raggiunta sulla sicurezza o l’efficacia del vaccino, visto che la maggior parte dei dati deve ancora essere sottoposto al comitato”. La ‘rolling review’, spiega l’Ema, è uno degli strumenti regolatori messi in campo per accelerare l’approvazione. Normalmente tutti i dati sono forniti insieme all’inizio della richiesta di autorizzazione alla commercializzazione, mentre in questo caso il Chmp, il comitato dell’Ema incaricato della valutazione, li revisiona man mano che sono disponibili, fino a decidere che sono sufficienti per una richiesta formale.

“La decisione di iniziare la rolling review del vaccino si basa sui risultati preliminari non clinici e sulle prime sperimentazioni cliniche – afferma il comunicato -, che suggeriscono che il vaccino stimola la produzione di anticorpi e di cellule T del sistema immunitario che hanno il virus come obiettivo. Sperimentazioni cliniche su larga scala su migliaia di persone sono in corso, e i risultati saranno disponibili nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Questi forniranno informazioni su quanto sia efficace il vaccino nel proteggere dal Covid-19, cosa che verrà valutata in cicli di revisione successivi”. Il vaccino di AstraZeneca è uno di quelli più avanti nella sperimentazione, nonostante uno stop di alcuni giorni dovuto alla revisione dei dati su alcuni pazienti che avevano mostrato effetti collaterali gravi.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha confemato quella che era fino a questa mattina era solo un’ipotesi. “Andremo in Parlamento a chiedere la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio” ha detto il premier ai giornalisti a margine della visita alla scuola media ‘Francesco Gesuè’ a San Felice a Cancello (Caserta).

Il premier nella stessa occasione ha ribadito che per il Governo “Quota 100 scadrà nel 2021” e ha annunciato “altre formule per gestire un problema che è oggettivo”. Rispondendo alla domanda di un giornalista, Conte ha detto: “Non è che ho rinunciato a quota 100, è che ho sempre annunciato che si tratta di una misura triennale, in scadenza nel 2021. Troveremo poi altre formule – ha proseguito – per gestire questo problema. Con il ministro Catalfo, siamo al lavoro sull” APE sociale e su altri provvedimenti”.

E sulla sua pagina Facebook, il presidente del Consiglio ha fatto sapere che “oggi entrerà in vigore la “Fiscalità di vantaggio” per tutte le aziende del Sud. Tutte le imprese che operano nelle regioni del Mezzogiorno potranno contare su un taglio del 30% del costo lavoro per tutti i loro dipendenti. I lavoratori non subiranno nessuna riduzione delle proprie retribuzioni”. “E’ una misura che abbiamo introdotto anche grazie all’impegno del Ministro Peppe Provenzano. Vogliamo rendere questa boccata di ossigeno stabile e duratura in modo da favorire la ripartenza e il rilancio produttivo del Sud. Un Sud più solido e competitivo renderà più forte l’Italia intera”, aggiunge.

“Da quanto ho capito, si protrarrà”. Così Roberto Fico, presidente della Camera, risponde in merito a una proroga dello stato di emergenza, legato alla pandemia da coronavirus. “È una cosa – ha affermato – di cui si occuperà il Governo.

“Sulla proroga dello stato di emergenza discuteremo in Parlamento molto presto come è giusto che sia e io sarò in Aula all’inizio della settimana. Io sono sempre per la linea della massima prudenza e ho sempre mantenuto questa impostazione ma credo che sia corretto che ne discuta il Parlamento e che se ne discuta nel governo perchè in una grande democrazia si fa così. Dobbiamo resistere col coltello tra i denti in questi 7-8 mesi difficili che ci attendono ma mentre resistiamo dobbiamo anche guardare al futuro”.

Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, in visita allo stabilimento Sanofi di Anagni, dove partirà la produzione del vaccino anti-Covid a cui stanno lavorando in collaborazione le multinazionali Sanofi e Gsk. “Credo che vedremo la luce nei primi mesi del 2021, perchè avremo nuovi strumenti per combattere la sfida al Covid, e nel corso del 2021 usciremo dalla fase più drammatica” ha aggiunto.

Il ministro della Sanità Roberto Speranza terrà nell’Aula del Senato comunicazioni sul nuovo DPCM sull’emergenza coronavirus nel pomeriggio del prossimo 6 ottobre. Sulle comunicazioni saranno votate risoluzioni dall’Assemblea. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama.

Più informazioni su