Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Coronavirus, i nuovi contagi sono 21.994 in Italia: le vittime salgono a 221

Brusaferro: "I contagi sono risaliti dalla seconda metà di agosto. Bisogna proteggere gli anziani o i morti aumenteranno"

REGGIO EMILIA – I nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore sono 21.994, rilevati sulla base di 174.398 tamponi, 221 i deceduti. Il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza e’ di 37.700. Sono invece 1.411 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 127 in più rispetto a ieri. Ieri i contagi nelle 24 ore erano stati 17.012, su 124.686 tamponi, mentre le vittime erano state 141.

“Dalla seconda metà di agosto la curva dei contagi ha cominciato a crescere, prima lentamente, e poi più velocemente, nelle ultime 2-3 settimane”. Così il presidente dell’Istituto superiore di Sanità (ISS) Silvio Brusaferro, in conferenza al ministero della Salute sulla situazione epidemiologica del coronavirus in Italia.

“All’inizio dell’epidemia l’infezione colpiva maggiormente l’età anziana, poi nel periodo di agosto i trentenni, ora l’età mediana è cresciuta e si attesta attorno ai 40 anni“, spiega Brusaferro. “Sono in aumento i casi tra gli anziani. Siccome sono tra quelli col maggiore rischio di complicanze ed esito fatale, è bene proteggerli o purtroppo ci sarà una crescita dei decessi“, riflette Brusaferro.

“Se ci sono 20-22 nuovi mila casi al giorno si fa fatica a tracciare poi i casi. E’ difficilmente sostenibile con questi numeri. Sono in aumento i casi di sintomatici e paucisintomatici, è un dato a cui prestiamo molta attenzione“, ha poi aggiunto.

“Il numero dei decessi è ancora relativamente limitato, e così anche quello dell’occupazione delle terapie intensive che sono ancora al di sotto del livello di guardia, anche perchè è stato aumentato il numero dei posti”. Così il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, in conferenza sulla situazione epidemiologica del coronavirus in Italia (Fonte Dire).