Roteglia, va in pensione il dottor Maurizio Pifferi

Dal 1982 è il medico delle famiglie rotegliesi. Tra i fondatori della “Medicina di Gruppo” di Castellarano, attiva da oltre vent’anni nel nostro Comune. Medico sociale della Virtus Roteglia e del Castellarano Calcio

CASTELLARANO (Reggio Emilia) – Una persona di immensa qualità che ha prestato la sua opera con passione e dedizione per tutta una vita, sempre al servizio di una comunità di cui sente di fare parte. Mercoledì 30 settembre il “Dottore dei rotegliesi e non solo” va in pensione, dopo una vita passata in ambulatorio. La comunità intera ed i colleghi augurano buon pensionamento al dottore Maurizio Pifferi, un riposo meritato che arriva dopo decenni passati a prestar servizio a malati, anziani e famiglie.

Maurizio Pifferi è nato il 21 ottobre 1950 ed ha frequentato il liceo Classico, poi la facoltà di medicina e chirurgia a Modena conseguendo la laurea il 14-11-1980. Infine ha frequentato la scuola di specialità in Igiene e medicina preventiva orientamento di sanità pubblica, sempre a Modena. Ha iniziato, subito dopo la laurea, a ricoprire il ruolo di Guardia Medica e ricevendo la convenzione per la Medicina Generale il primo aprile del 1982, aprendo così l’ambulatorio a Roteglia e a Castellarano.

Dal 1982 ad oggi ha svolto il suo lavoro con competenza e passione; l’amore per la professione lo ha portato a proseguire oltre il termine del pensionamento dei 68 anni per arrivare ad oggi (oltre i 70 anni non è possibile esercitare con la qualifica di Medico di Famiglia). Continuerà invece come libero professionista a seguire nel ruolo di medico competente del lavoro le numerose aziende del territorio che si giovano della sua consulenza.

Una persona sempre pronta ad abbracciare in maniera positiva i nuovi progetti e le attività da svolgere insieme, sia dal punto di vista professionale che dal punto di vista delle attività solidali.

Nel 1990 iniziò la condivisione dell’ambulatorio col dottor Roberto Guidetti, amico e collega di una vita con la quale ha condiviso anche l’avventura nel mondo dello sport. Nel 2000 socio fondatore della “Medicina di Gruppo”, attiva nel capoluogo e capace di coinvolgere sette medici, due infermiere e due impiegate di segreteria, una aggregazione di medici ancora oggi tra le più attive sul territorio e con oltre due decenni d’attività alle spalle.

Una persona mite ed intelligente capace di mediare con tutti. Maurizio Pifferi ha fatto da contrappeso di equilibrio all’interno di un gruppo di medici, per tradizione, abituati a pensare e a lavorare in solitario. Con Maurizio Pifferi non si parla solo di vaccini e di aspirine, vanta una grande cultura generale ed inoltre ama la musica, gli orologi, il cinema ed i fumetti. Passioni che hanno portato il dottore ad avviare una lunga opera di collezionismo.

Attivo anche nello sport, di cui è grande appassionato. Nel calcio ha schierato la sua disponibilità e la sua professione come medico sociale della Virtus Roteglia per poi passare al Castellarano Calcio, dove ancora oggi presta la sua opera.