Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Per Suarez un esame “farsa”: la Procura Figc apre un’inchiesta

La cittadinanza italiana del calciatore uruguaiano promesso alla Juve, è stata ottenuta con una truffa: argomenti 'concordati', indagati i vertici dell'Ateneo per Stranieri di Perugia. Tra i reati, concorso in corruzione per la rettrice. Le intercettazioni: "Non spiccica 'na parola". Salvini: "Chi ha truccato va licenziato in tronco"

REGGIO EMILIA – La cittadinanza italiana del calciatore uruguaiano Luis Suarez, promesso alla Juve, è stata ottenuta con una truffa. L’esame di conoscenza della lingua fatto dal Pistolero è stato “una farsa” con “previa consegna” dei contenuti della prova al calciatore, secondo la Procura di Perugia, che tuttavia non lo ha indagato. In un’intercettazione, l’incaricata della preparazione di Suarez dice che “non spiccica na parola”, ma passerà l’esame “perché con 10 milioni a stagione non glieli puoi far saltare”. La Procura della Figc apre un’inchiesta.

Tra i reati contestati alla rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia Giuliana Grego Bolli c’è anche il concorso in corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. E’ contenuto nell’avviso di garanzia inviatole dalla procura. Nell’atto compaiono solo gli articoli del codice penale di riferimento dei reati, 110 e 319, e la data alla quale farebbe riferimento la presunta condotta illecita, settembre del 2020. Senza però alcuna descrizione dei fatti contestati.

“Se qualcuno ha truccato un esame deve essere licenziato in tronco, anche per rispetto alle migliaia di studenti che si impegnano. L’università è una cosa seria e non si può permettere che la sua immagine di eccellenza venga infangata da questa vicenda”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, a Mattino Cinque su Canale 5, parlando della vicenda Suarez. Alla domanda se la Juve vada penalizzata, Salvini ha risposto ironico: “Essendo un tifoso di un’altra squadra mi avvalgo della facoltà di non rispondere”.

Appena cinque giorni fa Luis Suarez, attaccante del Barcellona a lungo obiettivo della Juventus, aveva superato la prova d’italiano di livello B1 (quello intermedio) presso l’Università per Stranieri di Perugia dimostrando di “comprendere bene la lingua” disse ai giornalisti il professor Lorenzo Rocca che lo aveva appena esaminato, sottolineando che nel parlato “si fa capire”. “Non spiccica na parola”, “non coniuga i verbi”, “parla all’infinito” diceva però il 12 settembre Stefania Spina, direttrice del Centro di valutazione e certificazione linguistica dell’Ateneo e docente del breve corso on-line seguito dal ‘pistolero’. Non sapendo di essere intercettata dalla guardia di finanza.

La procura perugina guidata da Raffaele Cantone ritiene infatti che quello di Suarez sia stato un “esame farsa” in una seduta fatta “ad hoc”. Stamani le fiamme gialle hanno perquisito gli uffici dell’Università per Stranieri. Tra gli indagati compaiono infatti la rettrice Giuliana Grego Bolli, il direttore generale Simone Olivieri, Stefania Spina, Lorenzo Rocca e un’impiegata che predispose l’attestato per il calciatore.

L’ipotesi investigativa è che gli argomenti oggetto della prova d’esame siano stati “preventivamente concordati” con il candidato, al quale il punteggio “è stato attribuito prima ancora dello svolgimento” si legge nella nota del procuratore Cantone. In modo tale – emerge dal decreto della procura perugina – da “blindare l’esito favorevole”. “Ma te pare che lo bocciamo!” un’altra delle frasi, intercettate, della professoressa Spina la quale ricorda poi che “con dieci milioni a stagione di stipendio non glieli puoi far saltare perché non ha il B1”.

Il comandante del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Perugia, colonnello Selvaggio Sarri (che non è parente dell’ex allenatore juventino pur avendo lo stesso cognome), ha quindi spiegato che è stata “la Juventus, attraverso il suo staff, a rivolgersi all’Università per Stranieri per sapere se ci fosse la possibilità di far svolgere a Suarez l’esame”. Sottolineando che nessun appartenente al club piemontese è indagato. Il colonnello Sarri ha detto di “non sapere perché la Juventus si sia rivolta proprio alla Stranieri Perugia”.

“Dall’indagine sono comunque emersi – ha aggiunto – contatti tra lo staff juventino e i vertici dell’Ateneo che ha poi materialmente organizzato l’esame del calciatore. Perché lo ha fatto? Probabilmente per il ritorno d’immagine che sarebbe derivato”. Secondo gli inquirenti dagli accertamenti – avviati per “fatti diversi” che riguardano sempre palazzo Gallenga – emerge come la decisione di far superare l’esame al calciatore, “prescindendo da ogni valutazione delle effettive competenze linguistiche, sia stata assunta dai vertici dell’Università per Stranieri”. Che oggi ha sottolineato “la correttezza e la trasparenza delle procedure seguite per l’esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez”.

L’Ateneo “confida che ciò emergerà con chiarezza al termine delle verifiche in corso”. Suarez intanto non risulta indagato e nell’indagine non sono coinvolti nemmeno persone del suo entourage. Quella emersa con le perquisizioni sarebbe comunque solo una parte dell’inchiesta in corso sulla quale stanno lavorando i magistrati di Perugia.