Ottanta veicoli intestati, lui non li usa: ma sono serviti per commettere reati

Un 38enne calabrese residente a Bergamo è stato denunciato per falsità ideologica, truffa continuata e favoreggiamento

Più informazioni su

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Aveva 80 veicoli che si era intestato fittiziamente raggirando le agenzie di pratiche auto: denunciato dai carabinieri di Correggio un 38enne calabrese residente a Bergamo per falsità ideologica, truffa continuata e favoreggiamento. Le auto venivano poi cedute a pregiudicati per la commissione di reati. Contestate multe per oltre 40.000 euro in relazione all’intestazione fittizia dei veicoli per i quali è stata chiesta la cancellazione alla Motorizzazione.

Le indagini dei militari sono partite dalla commissione di un furto con destrezza di un orologio rubato lo scorso mese di agosto a un correggese da parte di una donna (poi identificata e denunciata) che aveva utilizzato per la fuga un’auto intestata al 38enne calabrese. L’uomo è risultato estraneo a questo reato, pur avendolo ovviamente favorito consentendo l’uso di auto a lui intestata, ma i carabinieri hanno concentrato le indagini lo stesso su di lui dato che avevano scoperto che era intestatario di numerose auto che venivano utilizzate per la commissione di reati.

I carabinieri hanno scoperto che il 38enne, attraverso artifizi e raggiri, induceva in errore vari titolari di agenzie di pratiche auto, a cui si rivolgeva di volta in volta, intestandosi numerosi veicoli di cui non aveva la materiale disponibilità, compreso il veicolo utilizzato per consumare il furto con destrezza del costoso orologio compiuto lo scorso mese di agosto a Correggio. Il 38enne è risultato intestatario fittizio di 80 veicoli, motivo per cui gli venivano elevate altrettante sanzioni amministrative al codice della strada ai sensi dell’art. art. 94 bis C.D.S. “divieto di intestazione fittizia dei veicoli” per un totale di euro 43.520 euro.

I carabinieri hanno inoltre richiesto alla competente Motorizzazione la cancellazione dei veicoli dal Pubblico Registro Automobilistico.

Più informazioni su