Corruzione e turbativa d’asta, raffica di avvisi di conclusione indagini per dirigenti e funzionari comunali

Nel mirino della Finanza il bando di gara europeo per la gestione della sosta, il servizio legale dell'ente e quello di ripristino delle condizioni di sicurezza stradale

REGGIO EMILIA – La Guardia di finanza ha notificato 26 avvisi di conclusione delle indagini a diversi soggetti, fra cui diversi dirigenti e funzionari del Comune di Reggio Emilia, per fatti di corruzione e turbativa d’asta negli appalti dell’ente. L’inchiesta, iniziata nel 2016 e coordinata dai sostituti procuratori Valentina Salvi, Giulia Stignani e Giacomo Forte, era iniziata il 13 giugno 2019 con le perquisizioni in municipio. Era stata data notizia, in quella fase, solo dei 15 indagati che avevano ricevuto avvisi di garanzia, ma oggi si apprende che, in realtà, gli indagati erano molti di più.

Secondo quanto scrive la Finanza, “gli avvisi di fine indagine sono stati emessi al termine di complesse investigazioni iniziate nel 2016 e sviluppatesi prima relativamente a fatti di istigazione alla corruzione a carico di un giudice della commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia già dirigente del servizio legale del Comune”. Qui il riferimento è a Santo Gnoni, ex dirigente del servizio legale del Comune ed ex giudice della commissione tributaria.

“In particolare – scrivono le fiamme gialle – è emerso che l’indagato, quale relatore nella Commissione tributaria provinciale in un primo episodio ha sollecitato la dazione di 15mila euro per compiere un atto contrario ai doveri d’ufficio, accogliendo il ricorso di un imprenditore avverso l’avviso di accertamento notificato dalla Agenzia delle entrate”.

Continua la Finanza: “In una seconda occasione l’indagato ha sollecitato la gratuità delle prestazioni inerenti a lavori di meccanica da svolgersi sulla sua auto, con l’intento di favorire indebitamente l’impresa nella definizione delle relativa pendenza tributaria con l’ufficio finanziario”.

Le fiamme gialle durante le indagini hanno accertato “ulteriori condotte delittuose poste in essere dal medesimo soggetto e da altri dirigenti e funzionari del Comune di Reggio Emilia che, in concorso tra loro, hanno turbato il procedimento amministrativo di predisposizione dei bandi di gara dell’ente allo scopo di condizionare la scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione”.

Le irregolarità, confermate anche dall’esito della consulenza tecnica di due periti nominati dall’Autorità Giudiziaria, hanno riguardato gli appalti di molteplici settori, per un valore complessivo di circa 27 milioni di euro, i cui bandi sono risultati “confezionati su misura”, onde ostacolare la partecipazione dei potenziali candidati e favorire indebitamente le imprese aggiudicatarie.

Continuano i finanzieri: “Tra questi il più rilevante è senza dubbio il bando di gara europea indetto nel 2016 per un valore stimato di oltre 25 milioni di euro, con il quale l’ente locale ha proceduto all’individuazione del contraente cui affidare per otto anni i servizi di gestione della sosta a pagamento su aree pubbliche e di uso pubblico, gestione del trasporto scolastico (servizio scuolabus), gestione dei servizi di controllo ZTL e AP e gestione del servizio di bike-sharing” del Comune di Reggio Emilia, con possibilità di eventuale proroga tecnica”.

Fanno notare le fiamme gialle: “Si è trattato di un maxi-bando con la predisposizione di requisiti ad hoc, molto restrittivi in relazione a ciascun servizio, tanto da rendere indispensabile la partecipazione alla gara di un’organizzazione di aziende già ben strutturata, così alterando la procedura ad evidenza pubblica e favorendo l’unico soggetto partecipante che, poi, è risultato essere l’aggiudicatario”.

La Finanza, in questo caso, fa riferimento ai servizi di mobilità collettiva uniti alla gestione delle aree di sosta vinti dal consorzio Tea controllato all’88% dalla società Til srl, a sua volta in mano all’azienda pubblica di trasporti Act. Ben 25 milioni di euro per un contratto fiume dal 2016 al 2024, che sollevò perplessità anche da parte dell’Anticorruzione: secondo la guardia di Finanza era cucito su misura per la Tea.

Un secondo bando analizzato nel corso delle indagini ha riguardato l’affidamento, nel 2017, del servizio di ripristino delle condizioni di sicurezza stradale compromesse a seguito del verificarsi di incidenti stradali, del valore complessivo stimato in circa 950 mila euro, a fronte di una durata potenziale del contratto di 6 anni e mezzo. Scrive la Finanza: “In dettaglio, il procedimento amministrativo di scelta del contraente è stato alterato attraverso l’aggiudicazione dell’appalto ad un consorzio (già gestore del servizio) in cambio della definizione bonaria di una controversia per presunti crediti vantati nei confronti dell’Ente locale da una società consorziata. Parallelamente all’accordo transattivo illecito, si è registrata la manipolazione dei punteggi per far risultare, quale primo classificato nella graduatoria di gara, il menzionato consorzio, a danno degli altri candidati”.

Continuano le fiamme gialle: “Analoghe condotte sono state poste in essere nell’ambito della procedura per l’affidamento della gestione di un nido d’infanzia sul territorio comunale, per il triennio 2016-2019, per un importo a base di gara di circa 850 mila euro. In questo caso, gli indagati hanno artatamente proceduto all’esclusione del primo classificato, attraverso la predisposizione di motivazioni ad hoc, allo scopo di poter dichiarare anomala l’offerta economica presentata, così determinando l’aggiudicazione al secondo classificato (già gestore del servizio)”.

Concludono i finanzieri: “Un ulteriore bando “confezionato su misura” è quello afferente al disciplinare di gara del 2016 per la ricerca di due avvocati e l’affidamento dell’appalto di servizi legali, per un periodo di 12 mesi e un valore complessivo di 60mila euro. In questa circostanza, la procedura ad evidenza pubblica è stata alterata prevedendo, per l’accesso, un requisito professionale particolarmente stringente rispetto allo specifico oggetto del contratto d’appalto, così limitando artificiosamente la concorrenza e favorendo i due candidati predesignati. Con riferimento, poi, alla gara di affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, per un valore di 300 mila euro, sono stati scoperti ulteriori fatti di corruzione da parte dell’allora dirigente del servizio legale del Comune di Reggio Emilia, il quale ha indebitamente ottenuto dall’impresa aggiudicataria un’utilità pari a circa 5mila euro, consistente nel rinnovo a titolo gratuito di un contratto assicurativo relativo alla propria abitazione di residenza”.

Le investigazioni svolte hanno fatto emergere, inoltre, ipotesi di rivelazione di segreti d’ufficio, falsità ideologica in atti pubblici e omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale, riportate nel citato avviso ex art. 415-bis c.p.p