Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Colleferro, i fratelli Bianchi: “Non abbiamo toccato Willy Monteiro”

Sono accusati dell'omicidio insieme a Francesco Belleggia, 23 anni, Mario Pincarelli, 22 anni. Il premier Conte: "Scioccato dalla sua morte"

REGGIO EMILA – “Non lo abbiamo toccato. Respingiamo ogni accusa. Siamo intervenuti per dividere, abbiamo visto un parapiglia e siamo arrivati”. E’ quanto hanno detto Marco e Gabriele Bianchi durante l’interrogatorio di convalida dell’arresto per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Francesco Belleggia, 23 anni, Mario Pincarelli, 22 anni e i fratelli Gabriele e Marco Bianchi di 25 e 24 anni, sono tutti accusati di omicidio preterintenzionale in concorso.

“Ieri sono rimasto veramente e fortemente colpito. Vorrei dire anche scioccato, a tal punto che ho preferito non rilasciare dichiarazioni. Ho preferito parlare prima con i genitori del ragazzo. Ho trovato un papà affranto, come tutta la famiglia. Non spetta a me farmi carico delle investigazioni giudiziarie ma fermiamoci a riflettere: “cosa diremo ai nostri figli? Di non intervenire in una lite?” Lo dice il premier Giuseppe Conte nel punto stampa da Beirut parlando di “cieca violenza”.

La famiglia di Willy è rimasta “emozionata e sorpresa per la chiamata del presidente del Consiglio”. Lo ha detto l’avvocato Domenico Marzi, legale della famiglia di Willy Monteiro, il ragazzo ucciso a Colleferro, in merito alla telefonata ricevuta dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Esprimo un ringraziamento a nome della famiglia – ha aggiunto l’avvocato – per la sensibilità mostrata dal presidente Conte nell’essere accanto a chi ha subito una violenza simile”.”Non si può morire a 21 anni così. Li conoscevano tutti qui quei due fratelli. Da due anni litigano e picchiano con le stesse modalità, sono stati autori di altri pestaggi”. A raccontarlo Alessandro, un amico di Willy, il ragazzo ucciso a Colleferro, arrivato sul luogo dell’aggressione del 21enne. “Con uno di loro ho litigato pochi mesi fa perché dava fastidio a un mio amico – aggiunge – La rabbia è che non è la prima volta che fanno così. Si poteva evitare”.

“Vi auguro che il Signore ricambi la vostra esistenza con la stessa cattiveria e violenza”, “Che lo spirito di quel ragazzo vi perseguiti” e ancora “inutile accanirsi contro essere spregevoli come voi”. Raffica di insulti e minacce sui profili social dei due fratelli arrestati. In poche ore sui loro profili sono arrivati centinaia di commenti. “Spero che muori male”, “non meriti di stare al mondo”, “fate schifo”, questi alcuni dei commenti con minacce anche alla compagna di uno dei due fratelli: “E’ meglio che scappa”. Molti commenti incitano al linciaggio.

Una maglietta della Roma con su scritto “Grazie Willy gli eroi non muoiono mai”, una targa “Ciao Angelo mio” e decine di di mazzi di fiori a Colleferro sul luogo in cui è stato picchiato a morte. Un pellegrinaggio silenzioso di amici e conoscenti. Alle 12 nella vicina piazza Italia, a pochi metri di distanza, c’è stato un minuto di silenzio in memoria del ragazzo con il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna che oggi ha proclamato il lutto cittadino. “Non si è trattato di una semplice rissa, ma di qualcosa di più cruento, cui in nessun modo si può trovare una giustificazione” ha detto il sindaco.

“Qui non si dorme. Servono più controlli nella zona di piazza Italia dove ci sono i pub”. A dirlo alcuni abitanti che si sono recati sul luogo del pestaggio. “Io sono una mamma e poteva essere mio figlio” dice una di loro. “Servirebbero pattuglie che girano la sera e che controllano. Chi lo dice che non possa ricapitare?”. “Qui nel weekend è un ‘macello’ – dicono alcune cittadine – tutti senza mascherine, assembrati e bevono. Le forze dell’ordine sono poche e non possono farcela, devono aumentarle”.