Quantcast

Sanremo, “minacciato dal vicesindaco” per aver fatto il mio lavoro

"Non t’azzardare, io ti mangio la casa" avrebbe detto l'avvocato Alessandro Sindoni al cronista di Riviera24 Jacopo Gugliotta

REGGIO EMILIA – “Non t’azzardare, io ti mangio la casa”. E’ la minaccia che sarebbe stata rivolta al giornalista di Riviera24, Jacopo Gugliotta, dal vicesindaco di Sanremo, l’avvocato Alessandro Sindoni (foto). Una brutta vicenda, quella accaduta al nostro collega colpevole di aver fatto solamente il proprio lavoro.

Il 19 agosto scorso Jacopo Gugliotta, venuto a conoscenza di un pugno scagliato sul tavolo del segretario comunale di Sanremo, da parte del vicesindaco Alessandro Sindoni, da buon giornalista è andato a fare il suo lavoro: verificare la notizia. Il cronista è andato a Palazzo Bellevue, per cercare di capire cosa fosse accaduto, il perché di un gesto impulsivo che, visti i protagonisti della vicenda, poteva nascondere un qualcosa di più.

E là il nostro collega aveva scoperto che il pugno era stato scagliato al termine di una discussione sorta in merito alla nomina di un dirigente comunale: una vicenda che dunque merita tutta la rilevanza pubblica che Riviera24, grazie al lavoro svolto dal collega, le ha dato. Ma questa cosa non è piaciuta al vicesindaco.

Quando Gugliotta è uscito dal palazzo comunale ha incontrato il vicesindaco Alessandro Sindoni. Gli si è avvicinato e lo ha informato dell’articolo che stava per scrivere. Sindoni, a quel punto, ha voluto sapere chi era la fonte cosa che, ovviamente, non era nemmendo a chiedersi visto che le fonti sono tutelate dal segreto professionale.

Poi ha cercato di negare di aver scagliato un pugno sul tavolo, salvo poi confermarlo di fronte all’evidenza dei fatti. Poi sono iniziate le minacce. Ha detto, secondo quanto riporta Riviera 24, al cronista: “Non t’azzardare, io ti mangio la casa”. E quando Gugliotta gli ha detto “non minacciare”, il vicesindaco gli avrebbe risposto: “Io lo faccio, io ti mangio la casa. Sei un ragazzo giovane, bravo, preparato. Non ti far mangiare la casa perché io vivo di quello”.

Reggio Sera esprime la sua solidarietà al giornalista di Riviera24.it Jacopo Gugliotta che stava facendo solo il suo dovere: verificare (ulteriormente) una notizia della quale aveva già avuto conferma dando, quindi, al diretto interessato, il vicesindaco, la possibilità di esprimere contestualmente la propria versione. Incomprensibile la reazione di Sindoni, ancora più grave perché proveniente da chi non solo per dovere politico ma anche per appartenenza all’Ordine professionale degli avvocati dovrebbe ben conoscere leggi e regole deontologiche e avere il massimo rispetto per la libertà di stampa.