Iren in azione contro abbandono guanti e mascherine

Contenitori dedicati in 92 punti vendita a Reggio, Parma e Piacenza

REGGIO EMILIA – Supermercati non solo rispettosi delle norme anticovid, ma attenti anche all’ambiente. E’ lo scopo del nuovo accordo tra Iren (gestore in diverse aree dell’Emilia del servizio rifiuti) e Conad Centro Nord, che prevede il posizionamento di contenitori per lo smaltimento di guanti, mascherine e dispositivi di protezione all’interno dei punti vendita delle province di Parma, Reggio Emilia e Piacenza.

I dispositivi di protezione, secondo le indicazioni dell’Istituto superiore di sanita’, sono infatti da considerarsi rifiuti indifferenziati e come tali devono essere smaltiti. Anche per disincentivare la loro dispersione nell’ambiente, Iren ha quindi fornito ai 92 punti vendita Conad delle province coinvolte contenitori di rifiuto residuo indifferenziato, posizionati alle uscite, per collocare i dispositivi di protezione personali usati (i guanti vanno rivoltati uno dentro all’altro e le mascherine, chiuse a pacchetto con gli elastici).

“Fin dai primi momenti di emergenza Conad ha avuto cura di mettere in sicurezza e prendere tutte le precauzioni per i propri dipendenti e per i nostri clienti seguendo le normative vigenti”, commenta l’amministratore delegato della catena Ivano Ferrarini.

“Nonostante oggi la situazione pare affievolita rispetto ai mesi passati- prosegue- non vogliamo abbassare la guardia e questa collaborazione con Iren ci pare segua la linea a favore dell’igiene collettiva e del contenimento del rischio di infezione”. Eugenio Bertolini, Amministratore Delegato di Iren Ambiente, sottolinea che “durante il periodo emergenziale Iren non ha mai fatto mancare il suo impegno per garantire tutti i servizi essenziali ai cittadini” e ha intensificato gli sforzi, “per garantire una corretta informazione affinche’ mascherine e guanti fossero smaltiti correttamente”.