Gattile e canile: gestione unificata e nuova struttura

Dopo le polemiche, il Comune cambia registro. Gara per un appalto triennale e investimenti per quasi 300mila euro per riqualificare l'area di Villa Cella

REGGIO EMILIA – Dopo le polemiche dei mesi scorsi parte a Reggio Emilia un bando europeo del Comune per l’affidamento in appalto triennale (2020/2023) della gestione del canile e del gattile comunali di Cella. Con la nuova gara ufficialmente aperta il 3 agosto e in scadenza il 7 settembre si vogliono unificare le diverse gestioni, dal momento che canile e gattile si trovano nella stessa struttura di proprietà comunale.

“Siamo molto soddisfatti di questo nuovo bando che ci permette di affidare servizi fondamentali per il benessere degli animali da affezione secondo le sempre più crescenti necessità del territorio”, spiega l’assessora all’Ambiente Carlotta Bonvicini. “Intendiamo unificare i vari servizi per perseguire i principi di efficienza, efficacia ed economicita’ dell’azione amministrativa, ottimizzare i costi e assicurare uno stato ottimale di salute e benessere degli animali, auspicando nel contempo un sempre piu’ alto numero di adozioni”, aggiunge.

L’importo stimato a base di gara è di 705.000 euro per i tre anni, di cui 58.750 euro nell’anno 2020 (dal 1 ottobre), 235.000 euro per l’anno 2021, altrettanti per il 2022 e 176.250 per il 2023 (fino al 30 settembre). Nella somma sono compresi, fra le diverse voci, i compensi del personale, gli oneri assicurativi e previdenziali antinfortunistici, i costi di gestione per materiali di consumo, vestiario, mezzi, attrezzi e strumenti.

Inoltre, l’edificio che ospita il canile e il gattile sarà oggetto nel 2021 di diversi lavori di riqualificazione (per un importo complessivo di 290mila euro, la metà coperta dalla Regione) per adeguare gli ambienti ai requisiti richiesti dalle norme regionali in materia, fra cui la messa in sicurezza statica di una parte della struttura che ha subito recentemente un cedimento.