Continuano le truffe agli anziani, rubati monili in oro a due pensionate

La lettera di ringraziamento di un 85enne che ha voluto consegnarla personalmente al questore dopo aver ricevuto il conforto da due agenti in seguito a un furto subito

REGGIO EMILIA – Continuano le truffe agli anziani nella nostra città. Nei giorni scorsi alcune persone anziane residenti in città, hanno richiesto l’intervento della polizia per segnalare persone che tentavano un approccio informale. Altri cittadini anziani si sono presentati in questura per segnalare analoghe presenze mentre fanno degli acquisti o stanno per rincasare.

La preoccupazione è giustificata, perché il 5 agosto scorso sono state messe a segno due truffe. Le vittime (due signore di circa 80/90 anni), che risiedono in via Varini (Gavasseto) e in via Corti (zona Mirabello), sono state circuite con banali scuse dai malviventi che sono riusciti ad entrare nelle loro abitazioni rubandogli monili in oro.

Gli autori sono 2 uomini di 30/40 anni circa che, preavvisando la loro visita in casa attraverso una telefonata o presentandosi direttamente nelle adiacenze dell’ingresso delle abitazioni delle vittime, con una banale scusa hanno approfittato della scarsa reazione da parte delle vittime, mettendo in atto i furti.

Ieri mattina un uomo di 85 anni residente in città si è presentato in questura portando con sé una lettera scritta di suo pugno indirizzata al questore. Il questore ha ricevuto il signore in ufficio che voleva ringraziare gli agenti della squadra volante che il 29 luglio erano intervenuti in via De Nicola dopo che i malviventi lo avevano raggirato rubandogli alcuni oggetti in oro (catenina con crocifisso con infilate due fedi dorate) ai quali era legato per ragioni affettive.

I poliziotti sono riusciti ad acquisire le testimonianze di due persone e sono riusciti ad avviare le prime indagini. L’anziano non ha mancato di evidenziare la vicinanza che hanno dimostrato gli operatori della polizia di stato nei sui confronti in un momento di dispiacere.  Oggi il questore ha ricevuto gli agenti e li ha ringraziati per il lavoro svolto sottolineando la loro bravura nel gestire simili interventi che vedono come parti offese anziani indifesi.