Brucia sfalci d’erba e provoca incendio: denunciato

Nei guai un 76enne reggiano che ha dato alle fiamme una vasta area semi- boschiva sulle colline di Quattro Castella

QUATTRO CASTELLA (Reggio Emilia) – Voleva solo fare un favore all’amico, proprietario di un terreno semi boschivo nelle colline matildiche che necessitava di una ripulitura dopo il lockdown, ma l’improvvisato giardiniere, un 76enne residente nel capoluogo reggiano, dopo aver depositato i residui degli sfalci e delle potature in un grosso contenitore metallico vi appiccava il fuoco con l’intenzione di smaltirli.

Purtroppo l’azione maldestra ha provocato un incendio che ha interessato una vasta area: sterpaglie e alcuni esemplari arborei delle seguenti specie: carpino (carpinus betulus), roverella (quercus pubescens), noce (junglans regia), acacie (robinia pseudoacia), e ciliegio selvatico (prunus avium). Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha impedito l’ulteriore propagarsi del rogo con conseguenze ben più serie.

Con i mezzi di soccorso è arrivata anche una pattuglia della stazione carabinieri forestali di Viano, allertata dal sistema di soccorso attivatosi subito dopo l’allarme, svolgendo i primi accertamenti. Nei giorni successivi è stato identificato il 76enne che, messo di fronte alle sue responsabilità, ha ammesso la condotta imprudente. E’ stato denunciato per incendio boschivo di origine colposa.