Unieco Ambiente, ultimo passaggio della cessione a Iren

Firmati i contratti di cessione, manca ok procedura e antitrust

REGGIO EMILIA – Ultimo passaggio nella complessa operazione di acquisizione da parte di Iren della divisione Ambiente di Unieco, ex colosso cooperativo reggiano dell’edilizia finito in liquidazione. Oggi, informa il commissario liquidatore Corrado Baldini, sono stati sottoscritti tra le parti i contratti di cessione delle partecipazioni oggetto della gara di vendita (il cosiddetto “signing”) dopo la comparazione delle offerte di acquisto, con quella della multiutility (90 milioni) risultata vincente.

La cessione definitiva del ramo dei servizi ambientali di Unieco e’ ora quindi subordinata al parere favorevole degli organi di controllo della Procedura (Comitato di sorveglianza e ministero dello Sviluppo economico) e all’eventuale parere dell’Autorita’ garante della concorrenza. Oltre a prevedere le modalita’ di trasferimento delle partecipazioni, i contratti firmati oggi contengono anche gli obblighi assunti dall’acquirente per garantire la tutela sociale e la continuita’ dell’attivita’.

In particolare, Iren si e’ impegnata a garantire per un triennio la tutela dei lavoratori (mantenendo in occupazione almeno il 90% dei dipendenti), la tutela della territorialita’ (senza trasferire la sede legale e quelle operative) e a investire nella societa’ almeno 37 milioni.