Beve, sniffa coca e scappa davanti alla polizia: arrestato

Folle inseguimento nella notte tra Sant'Ilario e San Polo. Ben Hammar Khaled è accusato di resistenza a Pubblico ufficiale

SANT’ILARIO (Reggio Emilia) – Ha bevuto, sniffato coca e ingaggiato un inseguimento in auto con una volante della polizia, slavo poi schiantarsi contro una recinzione di metallo, scendere dall’auto e cercare di aggredire gli agenti. Protagonista della notte brava Ben Hammar Khaled, classe 1990, cittadino tunisino, in Italia senza fissa dimora, privo di occupazione, pluripregiudicato per reati contro la persona e in materia di stupefacenti, irregolare in Italia. E’ stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.
Intorno alle ore 2 circa, agenti incaricati del controllo nelle Stazioni ferroviarie notavano, a Sant’Ilario, una VW Golf grigia, con targa francese, in sosta con motore acceso. Alla guida vi era una uomo che alla vista della polizia, partiva immediatamente prendendo la via Emilia in direzione Reggio. Al confine con il territorio reggiano, il veicolo è stato intercettato dalla Squadra Volante della Questura, terminando la sua corsa a San Polo in via Vespucci, una strada di campagna, schiantandosi contro una recinzione in ferro. Dalla Golf è sceso Khaled inferocito, e si è diretto contro agli operatori di Polizia con fare aggressivo, nel buio.
Nonostante i ripetuti inviti di fermarsi, non lo ha fatto così un agente lo ha immobilizzato a terra.  Khaled in tasca aveva una bomboletta spray al peperoncino di ml 15, 1365 euro in banconote di vario taglio e un involucro contenente cocaina (2,3 grammi lordi). Nel veicolo si rinveniva un coltello della lunghezza complessiva di cm 30 e una carta di credito coperta di cocaina. L’uomo è stato accompagnato all’ospedale per essere medicato (ha lievi contusioni) ed è risultato che aveva assunto  cocaina e alcolici. Poi è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.
Con lui in auto c’era una colombiana di 37 anni, in regola e “collaborativa”, che è stata lasciata andare  casa.