Pronti i campi estivi per i bambini da 3 a 6 anni

Previsto dal 15 giugno al 17 luglio un parziale rientro nelle strutture educative per attività in presenza di natura ludico-ricreativa, svolta a piccoli gruppi

REGGIO EMILIA – Dopo il piano del Comune per la fascia d’eta’ 6-14, a Reggio Emilia iniziano a prendere forma anche i campi estivi per i bambini dai tre ai sei anni. Il Consiglio di amministrazione dell’Istituzione Nidi e Scuole infanzia del Comune, infatti, ha approvato oggi il progetto “Prove di futuro, esperienze estive di gioco”, che prevede dal 15 giugno al 17 luglio 2020 un parziale rientro nelle strutture educative per attività in presenza di natura ludico-ricreativa, svolta a piccoli gruppi.

Il servizio si rivolge ai bambini nati nel 2016, 2015 e 2014 e a quanti abbiano compiuto tre anni al primo luglio, purche’ frequentanti una scuola dell’infanzia comunale e convenzionata durante l’anno scolastico 2019-2020. Le attivita’ si svolgeranno direttamente nelle scuole, che saranno aperte dalle 8 alle 13, senza il pranzo ma con una merenda preparata dalle cucine interne delle strutture. Le adesioni sono contingentate e suddivise in due moduli.

Il primo e’ previsto dal 15 al 30 giugno,il secondo dal 1 al 17 luglio. Ad entrambi sono ammessi al massimo tre gruppi da cinque bambini che compiono tre anni entro il 15 di giugno, o l’1 luglio, un gruppo da cinque bambini “piccoli” della scuola dell’infanzia, un gruppo da cinque di bambini “medi” e tre gruppi da cinque di bambini “grandi” della scuola dell’infanzia (cinque anni in uscita).

Da domani al 9 giugno sara’ indetta una manifestazione di interesse al progetto rivolta alle famiglie che, se accettano, dovranno sottoscrivere un patto di corresponsabilita’, relativo ai rischi del coronavirus. La retta fissata e’ di 100 euro a modulo, indipendentemente dall’Isee, ma saranno esonerate dal pagamento le sole famiglie con un Isee fino a 8.300. Queste mancate entrate saranno “rimborsate” alle cooperative incaricate dell gestione delle attivita’.