Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Pm Bergamo: “Collaborazione massima con Conte e ministri”

Il premier è stato sentito dal Pm per 3 ore come persona informata sui fatti in merito all'inchiesta sulla mancata zona rossa ad Alzano e Nembro. Sentiti anche i ministri Lamorgese e Speranza. Il Pm: "Non ho detto zona rossa responsabilità di Roma"

REGGIO EMILIA – “Le audizioni si sono svolte in un clima di massima distensione e di massima collaborazione istituzionale”. Lo ha detto il procuratore di Bergamo Maria Cristina Rota in una dichiarazione dopo aver sentito a Palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte e i ministri Roberto Speranza e Luciana Lamorgese come persone informate sui fatti. “Ora – ha aggiunto il procuratore che si è fermato qualche istante con i giornalisti davanti a palazzo Chigi – noi ce ne andiamo, grati delle dichiarazioni che abbiamo avuto, a completare il nostro lavoro”.

Lei aveva detto che la zona rossa era responsabilità del governo? “No. Avevo dichiarato che dalle dichiarazioni che avevamo in atto c’era quella in quel momento. Oggi non ho altro da aggiungere”, ribatte ai cronisti la Pm di Bergamo.

Si è dunque conclusa l’audizione del premier Giuseppe Conte che è stato sentito per circa 3 ore nell’ambito dell’indagine sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro come persona informata dei fatti. E sono stati ascoltati anche i ministri dell’Interno Luciana Lamorgese e della Salute Roberto Speranza.

“Penso che chiunque abbia avuto responsabilità dentro questa emergenza, dal capo dell’Oms al sindaco del più piccolo Paese, debba essere pronto a rendere conto delle scelte fatte. È la bellezza della democrazia. È giusto che sia così. Da parte mia ci sarà sempre massima disponibilità nei confronti di chi sta indagando”. Così in un post su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo essere stato sentito in qualità di persona informata sui fatti dai pm di Bergamo nell’indagine sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro.

Il premier è stato sentito come persona informata sui fatti dai Pm di Bergamo che da ieri sono a Roma per raccogliere le deposizioni degli esponenti di governo e dei tecnici che hanno lavorato al loro fianco nell’emergenza Coronavirus e in particolare per avere la loro versione sulla mancata zona rossa ad Alzano e Nembro. Vicenda sulla quale la magistratura ha acceso un faro per capire se istituirla spettava al Governo o alla Regione o a entrambi, se ci siano o meno responsabilità penali e se il non aver isolato i due Comuni, dove già dalla fine di febbraio i contagi erano cresciuti i maniera esponenziale, sia stata una delle cause che ha portato all’alto numero di morti in Val Seriana e nelle sue Rsa, altro tema di indagine assieme a quello del caso dell’ospedale di Alzano.