La giunta potenzia il suo staff con cinque nuove assunzioni

Prevista una spesa di 589mila euro da qui fino a fine mandato. Tutti assunti su base fiduciaria "intuito-personae", ai sensi dell'articolo 90 del Testo unico degli enti locali

REGGIO EMILIA – Dall’1 giugno in Comune a Reggio Emilia sono in servizio cinque nuove figure assegnate alla “Unita’ organizzativa di supporto alle attivita’ del sindaco, della giunta e degli assessori” e assunti su base fiduciaria “intuito-personae”, ai sensi dell’articolo 90 del Testo unico degli enti locali. Si tratta di dipendenti dell’amministrazione prossimi alla scadenza del contratto, che viene ora loro rinnovato a tempo “determinato” fino al termine del mandato del sindaco, ossia nel 2024. Quattro dei nuovi funzionari sono inquadrati nella categoria “D1” e uno nella categoria “C1” per una spesa complessiva di 589.000 euro.

Oltre alla retribuzione, infatti, sara’ loro attribuito un emolumento “ad personam”, sostitutivo del trattamento accessorio e omnicomprensivo dei compensi per lavoro straordinario, per la produttivita’ collettiva e per la qualita’ della prestazione individuale, che varia a seconda delle posizioni da 2500 a 35.000 euro.

Nella delibera sulle assunzioni approvata nei giorni scorsi dalla giunta comunale si sottolinea tra l’altro che queste sono “in linea con gli esiti della recente ispezione del ministero Economia e Finanze intervenuta presso il Comune di Reggio Emilia nel corso dell’anno 2017”, i cui rilievi sui contratti stipulati con articolo 90 sono stati dichiarati “superati” dal ministero stesso (non cosi’ per il M5s reggiano che ha presentato esposti sul reclutamento ritenuto illegittimo di alcuni dirigenti a tempo determinato, ndr).

In particolare per l’assessorato alla Citta’ Collaborativa, Lavori Pubblici, Cura dei quartieri e Trasformazione digitale, deleghe dell’assessore Valeria Montanari e ora spacchettate dopo le sue dimissioni, viene assunta come “Funzionario Sviluppo Territoriale” Elisabetta Simonini, classe 1967, “in considerazione della esperienza professionale maturata nell’ambito di pianificazione e gestione delle attivita’ di comunicazione di progetti di riqualificazione urbana durante le precedenti collaborazioni con societa’ partecipate dal Comune di Reggio Emilia”.

Il suo incarico consiste nel “supportare la cura dei quartieri in un’ottica di collaborazione attiva con la cittadinanza”. Nell’assessorato Welfare e Bilancio (titolare Daniele Marchi) entra come “Funzionario Reti Sociali” Lucilla Cabrini, classe 1958, in passato responsabile delle attivita’ per l’integrazione sociosanitaria, che assistera’ l’assessore “nella fase di ripensamento delle azioni di welfare della citta’”.

In aiuto a Carlotta Bonvicini, assessore alle Politiche per la sostenibilita’ arriva l’archtetto Giovanni Mandelli, 26 anni. Si occupera’ tra l’altro della redazione del nuovo Biciplan 2020, della conclusione delle attivita’ dell’iter approvativo del Pums e di tutte le strategie di mobilita’ sostenibile, dalla ciclabilita’ alla micromobilita’ elettrica al monitoraggio delle politiche per la sosta. Dovra’ svolgere poi un’importante attivita’ di supporto insieme all’Agenzia della Mobilita’ per tutto cio’ che concerne il trasporto pubblico, incluso lo sviluppo degli studi di fattibilita’ per la tramvia urbana.

Di supporto all’assessore a Commercio e valorizzazione del centro storico Maria Francesca Sidoli e’ assunto Filippo Fanticini, 36 anni, esperto di comunicazione nell’ambito commerciale. Infine il sindaco intende avvalersi “di una ulteriore figura altamente qualificata e caratterizzata dall’elemento di estrema fiduciarieta’ anche con gli attuali organi elettivi” per l’esercizio delle funzioni di indirizzo e di controllo loro attribuite dalla legge, ma anche per un ripensamento delle strategie da applicare alle entrate. Basate in particolare da un lato sulla “vicinanza ed attenzione agli utenti”, e dall’altra, su politiche “ferme e decise” rispetto alla evasione.

La scelta ricade in questo caso su Marcello Marconi, dipendente a tempo indeterminato del Comune e in passato dirigente a contratto del servizio finanziario. Alla luce delle nuove assunzioni i costi del personale sono stati rimodulati e il totale resta invariato: circa 44 milioni per 1.600 dipendenti del municipio (Fonte Dire).