Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Conte e Sanchez a Bruxelles: “Riaprire le frontiere presto”

"L'eliminazione delle restrizioni alle frontiere nell'Ue deve essere effettuata in modo coordinato, sulla base di criteri comuni e trasparenti"

REGGIO EMILIA – “L’eliminazione delle restrizioni alle frontiere nell’Ue deve essere effettuata in modo coordinato, sulla base di criteri comuni e trasparenti. Ho inviato, insieme a Giuseppe Conte, una lettera alla commissione Ue in modo che la transizione alla “Nuova Normalità” in Europa sia sicura.” Lo scrive, in un tweet, il premier spagnolo Pedro Sanchez.

“Crediamo che per avere una ripartenza armonica e efficace il rallentamento delle restrizioni ai nostri confini interni debba essere portato avanti in una maniera coordinata e non discriminatoria, basata su chiari, comuni e trasparenti criteri epidemiologici. In questo senso proponiamo che il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie abbia un ruolo guida, definendo il più presto possibile questi criteri assieme agli Stati membri”, si legge nella lettera inviata da Conte e alla commissione Ue in cui i due capi di governo chiedono un processo “coordinato e graduale” anche per l’apertura dei confini esterni all’Ue. Inoltre “è necessario stabilire protocolli sanitari comuni e coordinati in accordo con tutta l’Ue sui trasporti”.

I ministri dell’interno europei hanno raggiunto “un accordo globale” sulla richiesta di estendere fino a fine giugno la chiusura delle frontiere esterne dell’Ue, misura che altrimenti scadrebbe il 15 giugno. Lo ha annunciato la presidenza croata al termine della videoconferenza dei ministri dell’interni europei. “Stiamo lavorando a una comunicazione che verrà approvata la prossima settimana”, ha detto la commissaria Ue Ylva Johansson.

L’Italia ha già riaperto le frontiere il 3 giugno, la Spagna lo farà a fine mese (ma già il 22 potrebbero essere riaperti i confini terrestri con Portogallo e Francia). La Germania riaprirà i flussi turistici verso l’Italia, “orientativamente” a partire dal 15 giugno e così pure la Svizzera.