Comune, nel 2019 conti in ordine per le Fcr

Avanzo modesto di 3.000 euro, ma spesa sociale per 11 milioni

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Conti in ordine per l’azienda speciale Farmacie comunali riunite (Fcr), partecipata al 100% dal Comune di Reggio Emilia. Il bilancio consuntivo del 2019, che si chiude con un risultato positivo di 3.747 euro (al netto di ammortamenti per 821.852 euro, di sconti ai cittadini per piu’ di un milione di euro e di imposte per 89.733 euro) e’ stato approvato in serata dal Consiglio comunale con 18 voti favorevoli della maggioranza, sei contrari di Lega, Forza Italia e Alleanza civica e tre astensioni nel M5s.

In dettaglio la gestione dei servizi di welfare per la citta’ nel 2019 ha riguardato, come da contratto di servizio tra Comune e Fcr, i settori disabili, anziani, minori e servizi socio-educativi, per una spesa complessiva di poco piu’ di 11 milioni. Il fatturato complessivo nel 2019 delle farmacie, invece, supera i 37 milioni di euro, in aumento di oltre il 3% rispetto al dato del 2018, soprattutto grazie al nuovo punto vendita h24 vicino all’ospedale.

Gli investimenti registrati l’anno scorso ammontano complessivamente a 334.005 euro, destinati soprattutto alla manutenzione di immobili e di implementazione dei siti istituzionali. A dicembre dello scorso anno, viene comunicato, e’ stato rinnovato il Contratto di servizio, con la ridefinizione di alcune procedure che consentiranno a Fcr un miglior presidio dell’utilizzo del budget definito, in direzione di un “concreto strumento di lavoro condiviso con il Servizio Sociale” e non solo orientativo rispetto alle diverse necessita’ di spesa.

Dalle opposizioni la richiesta all’unanimita’ e’ che il Comune spieghi i ritardi e proceda alla nomina del nuovo presidente dell’azienda, posto vacante da un anno e mezzo dopo l’ingresso in giunta (come vicesindaco) di Annalisa Rabitti.

Più informazioni su