Commissione garanzia, il M5S: “Vinci faccia un passo indietro”

I consiglieri pentastellati: "Non l'ha mai convocata. Vogliamo che si riunisca e discuta dell'aumento di stipendio dell'ad di Stu Reggiane Luca Torri"

REGGIO EMILIA – “Si chiede che Vinci faccia un passo indietro e ceda la presidenza a chi può garantire il funzionamento della Commissione”.

Lo chiedono Paola Soragni, Gianni Bertucci e Fabrizio Aguzzoli consiglieri comunali del M5S relativamente alla mancanza di riunione della commissione garanzia che ha il compito di monitorare le risposte agli accessi agli atti, l’attuazione delle mozioni. Scrivono i pentastellati: “Tale commissione è presieduta da Gianluca Vinci (Lega), ma ad oggi, nonostante le elezioni amministrative risalgano a oltre un anno fa, non ha mai riunito tale commissione, che la scorsa consigliatura invece era regolarmente adunata una volta al mese”.

La richiesta dei consiglieri del M5s è successiva alla notizia, uscita sugli organi di stampa locali, che Luca Torri, amministratore delegato di Stu Reggiane, la società che sta riqualificando l’area delle ex Reggiane, “è stato premiato dal Comune e Iren, con uno stipendio che balza a 100.000 euro, salendo del 40%”. Si chiedono i pentastellati: “Ebbene, chi è costui? Il M5S già il 27 febbraio aveva presentato un accesso agli atti per avere notizie in merito, chiedendo copia curriculum vitae di Torri, degli atti, verbali, delibere, colloqui, che avevano portato Torri alla carica di amministratore unico Stu Reggiane. L’accesso agli atti era protocollato dal Comune lo stesso giorno, e da quel che si legge nel protocollo, era stato assegnato all’architetto Magnani”.

Concludono i grillini: “Nonostante i solleciti, ad oggi non è pervenuta alcuna risposta, violando così l’obbligo di risposta nei 5 giorni successivi, prevista dalla Legge n. 241/90, più volte novellato, che statuisce espressamente all’ art. 22 c. II che ‘l’accesso ai documenti amministrativi, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce principio generale dell’attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l’imparzialità e la trasparenza’. Sin da ora si fa presente che il M5S prenderà gli opportuni provvedimenti per la mancata risposta all’accesso agli atti, e chiederà riunirsi commissione su Stu Reggiane, in cui si reclamerà la presenza di Torri, che dovrà aggiornare su obiettivi raggiunti e obiettivi invece non realizzati, costi di esecuzione, ecc”.