Quantcast

Comer, resta il muro contro muro dopo incontro azienda-sindacati

Le organizzazioni sindacali domani mattina alle 8.30 si riuniranno di nuovo in assemblea (in sciopero per un'ora) per fare il punto della situazione

REGGIO EMILIA – Alla Comer industries di Reggio Emilia resta il muro contro muro tra l’azienda e i sindacati Fiom e Uilm sulla chiusura dal 7 settembre dello storico stabilimento di Cavriago, con conseguente trasferimento dei 150 dipendenti nella sede di Reggiolo.

E’ l’esito del primo incontro tra le parti di questo pomeriggio, durato tre ore, dopo che stamattina i lavoratori sono scesi di nuovo in sciopero (il terzo in pochi giorni) dando vita ad un partecipato presidio di protesta davanti ai cancelli della fabbrica.

Comer, guidata Matteo Storchi, nipote del presidente dell’associazione degli idustriali reggiani Fabio Storchi, non avrebbe intenzione di fare un passo indietro, come pure le organizzazioni sindacali, che domani mattina alle 8.30 si riuniranno di nuovo in assemblea (in sciopero per un’ora), per fare il punto della situazione e decidere le prossime iniziative.

L’unica novita’, informa il segretario provinciale della Fiom-Cgil di Reggio Emilia Simone Vecchi, e’ che “il responsabile del personale dell’azienda, Alberto Liverani, ha preso l’impegno a riportare alla proprieta’ le nostre posizioni, che restano di contrarieta’ alla chiusura dello stabilimento”. Inevitabile quindi che, nei prossimi giorni, il tavolo di confronto si riaggiorni (fonte Dire).