Affitta una baita in montagna, ma è al mare: denunciato

Un 40enne di Chieti è stato accusato di truffa nei confronti di un 21enne di Carpineti

CARPINETI (Reggio Emilia) – Un 40enne di Chieti è stato denunciato per truffa nei confronti di un 21enne di Carpineti che ha affittato, tramite un annuncio pubblicato su internet, una baita a Livigno inesitente (in realtà la foto era di una casa al mare in qualche altra parte del mondo, ndr). Il giovane ha contattato l’inserzionista e ha ottenuto un preventivo di 630 euro per un soggiorno di 4 giorni. Dopo alcune settimane veniva contattata dall’inserzionista che le riferiva che l’offerta era scaduta, ma che, tuttavia, poteva essere rinnovata alle stesse condizioni.

Il 21enne, a questo punto, ha confermato la volontà di voler opzionare l’offerta e ha versato i 630 euro sul conto del locatario. Non vedendo giungere il contratto d’affitto e non riuscendo più a rintracciare l’inserzionista il 21enne ha capito di essere stato truffato e si è rivolto ai carabinieri. I militari della stazione di Carpineti sono risaliti al 40enne di Chieti che è stato denunciato.

Il fenomeno delle truffe “Casa per vacanza”, che consiste nell’offrire, tramite internet, un appartamento per le vacanze a prezzi convenienti, facendo leva sulla voglia di “risparmio”, è in continua crescita. Pertanto, per evitare spiacevoli sorprese, i carabinieri raccomandano di diffidare: dai prezzi troppo convenienti; da chi ha troppa premura di concludere “perché c’è un altro interessato al periodo”; da chi è troppo propenso a concedere sconti o ridurre troppo l’acconto; da chi si presenta come privato ma ha troppe casa da affittare; da chi non dispone di fotografie degli interni dell’abitazione.

Buona norma sarebbe in via prioritaria verificare i contatti dell’annuncio o quelli utilizzati (nominativo, numero di telefono, indirizzo email, iban o numero carta ricaricabile) mediante una semplice ricerca in internet associando il termine “truffa” e indicando le utenze telefoniche, qualcuno potrebbe averlo già scoperto ed averlo recensito negativamente.