Addetti sportelli Iren, Reggio E’: “Adesso basta ribassi”

Il consigliere Perri va in pressing sulla giunta: "Trovi una soluzione con l'azienda"

REGGIO EMILIA – La protesta degli addetti agli sportelli clienti di Iren arriva in consiglio comunale a Reggio Emilia. La lista civica di maggioranza Reggio E’, con un’interpellanza, interviene sulla vertenza motivata dal cambio di appalto del servizio, a seguito del quale i lavoratori verranno inquadrati con un contratto peggiorativo rispetto al precedente. E’ in particolare la consigliera Palmina Perri a chiedere a sindaco e giunta di mediare con Iren (azienda committente) per una soluzione.

“L’ennesimo appalto al ribasso sulla pelle dei lavoratori e’ inaccettabile. Chiediamo che Iren, azienda a controllo pubblico anche nei servizi a mercato, smetta di agire con logiche di profitto a scapito dei diritti delle persone”, dice Perri. Ricordando poi che molti dei lavoratori che operano nelle province di Reggio Emilia, Parma, Modena e Piacenza “sono impiegati sin dal 2009” e vanno incontro, dal prossimo 1 luglio, ad “un passo indietro rispetto alla situazione precedente, garantita dall’applicazione del contratto del Commercio e verso peggiori condizioni economiche e normative”.

La questione di fondo, ribadisce pero’ Reggio E’, e’ che “se a ogni nuova gara di appalto si riducono i salari, si profila una progressiva perdita di diritti ingiusta e insostenibile”. Iren quindi “ha la responsabilita’ di verificare e garantire sia la continuita’ occupazionale sia il mantenimento delle condizioni economiche e contrattuali dei propri lavoratori”.