Vecchi eletto presidente regionale di Ali

Il sindaco di Reggio al vertice della Lega delle autonomie locali: "Credo che nell’Italia di oggi ci sia sempre più bisogno di dialogo e di connessione fra gli enti locali"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi è stato eletto oggi all’unanimità presidente regionale dell’Emilia-Romagna di Ali, Lega delle autonomie locali.

Dice Vecchi: “Credo che nell’Italia di oggi ci sia sempre più bisogno di dialogo e di connessione fra gli enti locali, per lavorare assieme non soltanto nel fronteggiare l’emergenza Coronavirus attualmente in atto, ma anche per condividere progetti e strategie. Ali è una realtà che raggruppa istituzioni governate da amministratori provenienti da una comune radice culturale e valoriale, e questo permette un interessante confronto politico. Contemporaneamente sarà invece attraverso Anci che gli enti locali continueranno a sviluppare trasversalmente quel dialogo istituzionale fra le varie articolazioni dello Stato che è uno dei tratti distintivi della democrazia del nostro Paese”.

Legautonomie è un’associazione di comuni, province, regioni, comunità montane, costituitasi nel 1916 e da sempre impegnata per la crescita democratica e civile del Paese attraverso un processo di rinnovamento istituzionale fondato sulla valorizzazione delle amministrazioni locali e regionali.

L’impegno dell’organizzazione è sempre stato caratterizzato da un coerente progetto politico finalizzato alla costruzione di una Repubblica di segno federale fondata sulla parità ordinamentale tra Stato centrale, Regioni ed Autonomie locali e sullo sviluppo e il riequilibrio economico sociale e territoriale tra aree forti e aree svantaggiate secondo i principi della cooperazione, della solidarietà, della sussidiarietà, della trasparenza e di una efficienza competitiva della Pubblica Amministrazione.

Negli ultimi anni Legautonomie ha orientato il suo impegno di associazione al servizio delle amministrazioni locali anche promuovendo una intensa attività di formazione e di consulenza tecnica e metodologica e di ricerca e indagine conoscitiva per favorire e promuovere l’innovazione organizzativa e l’introduzione di nuovi modelli di gestione nei governi locali.

A Legautonomie aderiscono circa duemilacinquecento enti tra comuni, province, regioni e comunità montane. Legautonomie è articolata con strutture regionali e provinciali che coprono tutto il territorio nazionale e svolgono l’effettiva attività di servizio verso le amministrazioni locali. In particolare le sedi decentrate, oltre ad una intensa attività formativa e informativa, collaborano con la struttura nazionale alla elaborazione di ricerche e studi sull’efficacia dell’azione amministrativa degli enti.

Più informazioni su