Rifiuti, la raccolta differenziata vola all’84%

Nel 2018 sono stati effettuati 2000 controlli e, in 600 casi, si e' risalito al responsabile dei comportamenti scorretti. Sono state 22 le sanzioni

REGGIO EMILIA – Reggio Emilia virtuosa nella raccolta differenziata. E’ il quadro emerso ieri sera in commissione Ambiente in Comune, convocata su richiesta del M5s per fare il punto sulla gestione dei rifiuti in citta’. A gestire il servizio e’ Iren, che dal 2016 ha introdotto il cosiddetto “modello tricolore”, che prevede modalita’ della raccolta domiciliare differenziate in base alle zone.

Uno strumento con cui, spiega la responsabile di Iren Ambiente per il settore Elisabetta Montanari, “Reggio ha raggiunto in anticipo gli obiettivi assegnati dal piano d’ambito al 2020”. La percentuale di raccolta differenziata indicata, in particolare era del 73,8%. Nel 2019 si e’ chiusa intorno all’84%.

Stesso discorso vale anche per le diverse tipologie di rifiuti prodotti che, grazie alla strategia sui conferimenti, si sono ridotti per ogni abitante (155 chili all’anno per ogni cittadino). Per quanto riguarda i controlli effettuati dagli “accertatori”, da quando il servizio di verifica e’ stato attivato nel 2018 sono stati effettuati 2000 controlli e, in 600 casi, si e’ risalito al responsabile dei comportamenti scorretti (a volte attraverso etichette col nome gettate nel contenitore sbagliato).

Le sanzioni – notificate dalla Polizia locale – sono state pero’ solo 21. Perche’ “in molti casi si sono solo sensibilizzati i cittadini e perche’ per fare una multa, ci vogliono prove molto consistenti”, spiega Montanari.