Lite tra pastori, minaccia e aggredisce il “concorrente”: denunciato

Minaccia e lesioni personali le accuse mosse a un pastore siciliano 44enne dai carabinieri di Guastalla

GUASTALLA (Reggio Emilia) – Un pastore 44enne siciliano, residente a Brescello, è stato denunciato per minaccia e lesioni personali dopo che aveva aggredito un allevatore 27enne di Guastalla a cui aveva invaso il campo con il suo gregge.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Guastalla la vittima, proprietaria di 400 capi di ovini e con regolare autorizzazione dell’Asl di Guastalla, in marzo ha incominciato ad avere problemi con il pastore siciliano che, proprietario di circa 2.000 capi di pecore, dalla zona di Dosolo, nel mantovano, dove faceva pascolare il suo gregge, si era spostato nel reggiano invadendo l’area di pascolo in località Fogarino del pastore reggiano.

Dopo le prime recriminazioni del pastore reggiano il pastore siciliano 44enne ha fatto capire che si sarebbe spostato, ma ha continuato a invadere l’area “contesa” e ha iniziato a minacciare di morte il pastore “concorrente” attraverso messaggi audio e scritti che inviava alla vittima su WhatsApp. All’incontro chiarificatore il 27enne ha richiesto anche l’intervento dei carabinieri la cui presenza, tuttavia, non ha placato il pastore siciliano che, approfittando di un momento in cui si era vicino alla vittima, lo ha aggredito colpendolo con un pugno.

Il pastore siciliano, a quel punto, è stato denunciato per minaccia e lesioni personali.