Polo di imprese Cna per ripartire in sicurezza

Il progetto dell’Associazione raggruppa 50 aziende della provincia che hanno riconvertito l’attività per produrre DPI e altri DM, fornire servizi di sanificazione e altri prodotti per contenere la diffusione del virus

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Ripartire… in sicurezza è il nome del progetto messo in campo da Cna Reggio Emilia che, in risposta all’emergenza covid19, ha deciso di mappare le imprese associate che producono e commercializzano prodotti/servizi legati a: dispositivi di protezione individuale (DPI) come mascherine chirurgiche e per la collettività (art.16); altri dispositivi medici (DM) come camici, abbigliamento da lavoro, guanti; sistemi di protezione individuale e distanziamento (barriere protettive, cartellonistica); prodotti igienizzanti; sanificazione e pulizia ambienti; packaging alimentare e non alimentare.

“In questo modo, intendiamo andare incontro alle esigenze di messa in sicurezza per accelerare la ripartenza delle imprese – spiega il presidente CNA Giorgio Lugli – mettendo a disposizione dei nostri soci un “polo sanitario” a cui attingere per ridurre i tempi di ricerca e avere la certezza di trovare partner affidabili all’interno della rete di imprese Cna”.

Ad oggi, hanno aderito 50 imprese in tutta la provincia, prevalentemente del comparto manifatturiero, moda e tessile, imprese del commercio, della chimica, materie plastiche e carpenteria, della comunicazione.

“Apprezziamo lo sforzo di molte aziende – aggiunge Lugli – che hanno riconvertito in tempi record le proprie attività per produrre mascherine e non solo, rispondendo all’appello della protezione civile sulla carenza di Dpi idonei a bloccare il virus. Abbiamo voluto dare anche noi come Associazione il nostro contributo, dando la giusta visibilità a queste imprese. Sulla pagina dedicata al progetto ci sono anche tutte le informazioni utili per accedere al credito di imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto di Dpi per imprese e professionisti”.

“Nei giorni scorsi Cna nazionale – conclude il presidente della Cna reggiana – insieme alle altre Parti Sociali e alla presenza del Ministro del lavoro delle politiche Sociali e del Ministro per lo Sviluppo Economico, ha sottoscritto l’accordo per la revisione del “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” stipulato lo scorso 14 marzo, con l’obiettivo primario di accelerare il riavvio delle attività economiche. Ricordiamo che anche le aziende che hanno continuato ad operare dovranno integrare le misure finora adottate e adeguarsi al nuovo Protocollo in funzione di questa Fase 2”.

Sul sito dell’associazione www.cnare.it è possibile consultare l’elenco delle imprese aderenti al progetto “Ripartire… in sicurezza”. Per info: ughetta.fabris@cnare.it

Più informazioni su