E’ morto l’ex deputato e commercialista Mario Monducci

Il noto commercialista reggiano è stato ucciso da un infarto nella sua casa via Dante Alighieri in centro storico. Il cordoglio della città

REGGIO EMILIA – E’ morto, all’età di 70 anni, Mario Monducci. Il noto commercialista reggiano è stato ucciso da un infarto nella sua casa via Dante Alighieri in centro storico. Monducci era una figura molto nota in città. Fu capogruppo per il Pri in consiglio comunale e fu eletto parlamentare fra i Repubblicani nel 1983, ma lasciò quasi subito l’incarico “per motivi personali”.

Si candidò a sindaco di Reggio Emilia con la lista civica “Gente di Reggio” nel 2004 e ottenne il 5% dei consensi tornando in consiglio comunale. Poi nel 2009, sempre con la sua lista, sostenne la candidatura a sindaco dell’avvocato Marco Scarpati (ora nel Pd). Era figlio di Elio Monducci, figura importante del Banco San Geminiano e San Prospero in città e poi presidente della Pallacanestro Reggiana. Anche Mario aveva una grande passione per lo sport.

Lascia i figli Stefano, Francesco e i nipoti Frida e Matteo di 11 e 2 anni. A causa delle norme per il contenimento della diffusione del Covid, il funerale si svolgerà in forma strettamente privata.

Il cordoglio della città
L’ex segretario della Cgil, Gianfranco Riccò, commenta così la morte di Monducci: “E’ un lutto pesante per la democrazia a Reggio Emilia, un politico di grande onestà intellettuale col quale si cresceva nel confronto pur avendo retroterra culturali diversi. Lo dimostrò per anni dai banchi dell’opposizione nel Consiglio comunale reggiano, mantenne una visione nobile della politica guardando alla vita reale degli uomini saldamente ancorato alla civiltà dell’Occidente ma con occhio critico alla borghesia provinciale da cui proveniva. Lo ricordo affettuosamente da avversario ed amico”.

I consiglieri regionali della Lega, Delmonte e Catellani, scrivono: “E’ con grande tristezza che abbiamo appreso della prematura scomparsa di Mario Monducci, commercialista e politico reggiano, fondatore del movimento Gente di Reggio, uomo giusto e pensatore libero. Di Mario ricorderemo l’impegno politico e la passione civica. Monducci ci lascia in eredità uno stile dell’impegno pubblico leale, svincolato dalle logiche di partito e fondato sul forte radicamento alla sua città, che ha sempre amato. Esprimiamo la nostra vicinanza ed il nostro cordoglio ai suoi famigliari ed in particolare ai figli Stefano e Francesco, e agli amati nipoti Frida e Matteo”.

L’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Reggio Emilia scrive: “Se ne va oggi un uomo di grande intelligenza, competenza e generosità. La famiglia professionale in questo momento di dolore si stringe ai cari di Mario Monducci”.

Arriva anche il cordoglio del sindaco Luca Vecchi che scrive: Reggio deve a Mario Monducci l’esaltante avventura dell’hockey su pista: approcciatosi allo sport seguendo le giovanili, lo ha accompagnato sino ai vertici nazionali a livello di prima squadra. Mario, che ho avuto il privilegio di conoscere personalmente, era una persona colta, un antifascista, un galantuomo. Reggio con lui perde moltissimo. In questi anni ero solito incontrarlo periodicamente: il suo contributo era sempre un contributo di saggezza e di esperienza, da parte di chi aveva, della città una visione originale e al tempo stesso equilibrata, che era un piacere ascoltare. In questo momento di dolore e di lutto mi stringo, a livello personale e a nome dell’amministrazione comunale, ai familiari e agli amici tutti. Troveremo il modo, quando questa emergenza sanitaria ce lo consentirà, di onorarne la memoria, con un’iniziativa all’altezza del contributo che, nel corso della sua vita, Mario Monducci ha saputo dare a molte generazioni di reggiani, giovani e adulti, che con lui si sono confrontati e sono cresciuti”.

Scrive il M5S: “Il Movimento 5 Stelle di Reggio Emilia piange la scomparsa di Mario Monducci. Una brava, bravissima persona con Reggio Emilia, l’Italia, la nostra Costituzione e il senso del bene comune nel cuore e nelle azioni”.

Anche il Pd cittadino “piange la scomparsa di Mario Monducci, protagonista di diverse stagioni politiche reggiane. Di lui si ricordano il rispetto istituzionale, la statura politica e le battaglie con sempre al centro il bene comune. Fu alfiere del PRI e pioniere del civismo, quando entrò in consiglio comunale con la lista “Gente di Reggio”. A 70 anni, quindi troppo presto, se ne va un uomo di statura morale e intellettuale, un riferimento per la comunità di cui sentiremo la mancanza”.