Coronavirus, in Comune nasce una commissione speciale

Per valutare misure post-emergenza: la minoranza non la vota. Presidente della nuova commissione sara' con ogni probabilita' la consigliera Palmina Perri

REGGIO EMILIA – E’ la nona commissione istituita in Comune a Reggio Emilia, e’ una “speciale”, ed e’ dedicata interamente all’emergenza coronavirus. Si occupera’ cioe’ di valutare le politiche che l’ente locale dovra’ mettere in campo nella Fase 2 per rispondere ai problemi causati dalla pandemia a cittadini e imprese. E’ stata approvata oggi dal Consiglio comunale reggiano riunito a distanza, votata tra i gruppi di opposizione solo da quello del Movimento 5 stelle mentre gli altri (Forza Italia, Lega e Alleanza civica) hanno deciso di non partecipare al voto.

Troppo nebulosi infatti, secondo la minoranza, i confini del nuovo organo istituzionale che alla fine, dice il capogruppo leghista Matteo Melato, “si risolve in un’operazione di propaganda perche’ siamo gia’ operativi con le altre commissioni, che pur nell’emergenza tardano ad essere convocate”. Altro tema sollevato da Melato e’ quello dei gettoni dei consiglieri che, secondo la proposta della nuova commissione avanzata nei giorni scorsi dalla maggioranza, non saranno percepiti.

Ma questo, dice l’esponente del Carroccio, “non e’ vero perche’, visti i temi trattati, questa commissione si riunira’ quasi sempre in seduta congiunta con altre, i cui commissari il gettone lo percepiscono eccome”. Insomma “il caos regna sovrano anche da questo punto di vista”, rimarca la civica Cinzia Rubertelli, secondo cui “ci sono molti passaggi tecnici non chiariti”.

Fabrizio Aguzzoli (M5s) annuncia la partecipazione dei pentastellati alla votazione. “Di fronte ad una proposta collaborativa della maggioranza non possiamo ritirarci sull’Aventino”, commenta. Presidente della nuova commissione sara’ con ogni probabilita’ la consigliera Palmina Perri della lista civica di maggioranza “Reggio e'”. Al fotofinish il M5s propone Dario De Lucia del Pd.