Coronavirus, il morbo rallenta: solo 48 casi positivi a Reggio Emilia

E' l'incremento più basso da molto tempo a questa parte. Purtroppo ci sono stati anche 12 decessi che portano il totale a 310

REGGIO EMILIA – Una cattiva e una buona notizia. Iniziamo da quella cattiva perché, purtroppo, nella nostra provincia si sono registrati altri 12 decessi che portano il totale a 310 dall’inizio dell’epidemia. Quella buona, invece, è che sono stati solo 48 i nuovi casi positivi che è un numero che non si vedeva da settimane così basso nella nostra provincia. Il totale, ora, è di 3.215 casi.

L’Ausl, come sempre, comunica dati leggermente diversi rispetto alla Regione. Per loro i nuovi contagiati sono 49 e i decessi sono 13.

Di questi tredici decessi, che quindi porterebbero il totale a 311, 1 è avvenuto a Campagnola, 1 a Casina, 3 a Correggio, 1 a Guastalla, 1 a Luzzara, 1 a Montecchio, 3 a Reggio Emilia, 2 a Scandiano. Riguardano due uomini e undici donne fra gli 80 e i 100 anni.

Dei 49 nuovi casi nessuno è in terapia intensiva, 34 sono in isolamento domiciliare e 15 in terapia non intensiva. Sono a Campegine (1), Castellarano (1), Castelnovo Monti (1), Correggio (1), Guastalla (1), Luzzara (1), Poviglio (1), Reggio Emilia (30), Reggiolo (1), Rio Saliceto (2), Rubiera (1), Scandiano (4), Ventasso (2) e due casi di non residenti in provincia.

I dati sono buoni anche in Regione perché sono 17.825 casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, con solo 269 positivi in più rispetto a ieri (erano stati 467 in più ieri): un aumento quindi contenuto se paragonato a quello dei giorni scorsi. E sono 75.191 i test effettuati, 3.028 in più. Quindi sono stati fatti anche molti più tamponi di ieri quando erano stati 2.177. In sostanza abbiamo avuto circa 850 tamponi in più e 200 positivi in meno.

Buone notizie arrivano anche dal fronte dei ricoverati e delle persone in isolamento a casa. Complessivamente, sono 7.861 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (66 in più rispetto a ieri). Sono 366 le persone ricoverate in terapia intensiva: 6 in meno rispetto a ieri. Così come continuano a diminuire anche i ricoverati negli altri reparti Covid: -54 (3.750 rispetto ai 3.804 di ieri). Purtroppo, si registrano 72 nuovi decessi: 34 uomini e 38 donne.

Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 2.597 (200 in più rispetto a ieri), delle quali 1.545 riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 1.052 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 13 residenti nella provincia di Piacenza, 14 in quella di Parma, 12 in quella di Reggio Emilia,12 in quella di Modena, 11 in quella di Bologna (nessuno nel territorio imolese), 5 nella provincia di Forlì-Cesena (3 a Forlì), 3 a Ferrara, 2 in quella di Rimini. Nessun decesso a Ravenna e fuori regione.

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 2.953 Piacenza (17 in più rispetto a ieri), 2.365 Parma (48 in più), 3.215 Reggio Emilia (48 in più), 2.758 Modena (67 in più), 2.334 Bologna (34 in più), 322 Imola (5 in più), 522 Ferrara (12 in più), 738 Ravenna (10 in più), 1.034 Forlì-Cesena (di cui 564 Forlì, 18 in più rispetto a ieri, e 470 a Cesena,1 in più), 1.584 Rimini (9 in più).