Coronavirus, ci sono altre tredici vittime e 153 casi in più a Reggio Emilia

Il commissario ad acta Venturi: "Non preoccupatevi, cerchiamo di andare ad aggredire questo virus e più positivi troviamo e meglio è. Abbiamo a Reggio Emilia una riduzione significativa dei ricoveri ospedalieri sia nelle terapie intensive che negli altri reparti"

REGGIO EMILIA – Ci sono tredici vittime in più nella nostra provincia che portano il totale a 331 dall’inizio dell’epidemia e 153 casi positivi in più (erano 137 ieri) che portano il totale a 3.505. Su questo ultimo dato il commissario ad acta Sergio Venturi ci tiene a precisare che il numero complessivo di casi positivi, che è il più alto dell’Emilia-Romagna (ma non percentualmente, dato che viene superato in questo caso da Piacenza, ndr), è dovuto a una grande capacità della nostra provincia di processare tamponi (fino a 700 al giorno) e alla capacità di andare a scovare meglio i singoli casi. Il che dovrebbe rassicurare i reggiani.

Ha spiegato Venturi: “Noi cerchiamo di andare ad aggredire questo virus e più positivi troviamo e meglio è. Abbiamo a Reggio Emilia una riduzione significativa dei ricoveri ospedalieri sia nelle terapie intensive, sia negli altri reparti”.

I nuovi casi, secondo l’Ausl, sono 155 nella differenza di cifre che contraddistingue spesso la comunicazione la sanità locale e la Regione. Di questi 146 sono in isolamento domiciliare e 9 sono ricoverati in terapia non intensiva. Dall’inizio dell’epidemia ci sono 1009 ricoverati in terapia non intensiva, 2.421 in isolamento domiciliare e 73 in terapia intensiva. Il totale fa 3.503 con un leggero scostamento rispetto ai 3.520 attuali positivi dichiarati dall’Ausl. Se tuttavia volessimo i positivi completi dall’inizio dell’epidemia, dovremmo aggiungere i 307 guariti clinicamente e i 331 decessi. Con questi il totale dei positivi, da quando è iniziata l’emergenza sanitaria, sono in tutto 4.158.

I nuovi casi positivi sono a Bibbiano (4), Boretto (2), Campegine (2), Canossa (1), Casalgrande (2), Casina (7), Castellarano (1), Castelnovo Sotto (1), Castelnovo Monti (11), Cavriago (1), Correggio (4), Fabbrico (2), Gattatico (1), Guastalla (7), Luzzara (4), Montecchio (4), Novellara (4), Poviglio (1), Quattro Castella (7), Reggio Emilia (68), Rio Saliceto (2), Rubiera (3), San Martino in Rio (2), San Polo (3), S. llario (2), Scandiano (2), Ventasso (2), Vetto (2), Vezzano (2), Villa Minozzo (1).

I decessi, e anche qui c’è una discrasia con i dati regionali, sono 14 secondo l’Ausl. Si tratta di 7 uomini e sette donne fra i 65 e 93 anni. I decessi sono avvenuti a Baiso (1), Castelnovo Monti (1), Quattro Castella (1), Reggio Emilia (7), San Martino in Rio (1), Scandiano (1).

Passando al dato regionale sono 18.677 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 443 in più rispetto a ieri (ieri erano 409 in più). E hanno raggiunto quota 81.715 i test effettuati, 3.348 in più (ieri erano stati 3176). Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi, giovedì 9 aprile, sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Complessivamente, 8.038 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (174 in più rispetto a ieri). 355 le persone ricoverate in terapia intensiva: 6 in meno di ieri. E diminuiscono anche i pazienti ricoverati in terapia non intensiva, negli altri reparti Covid (-47). Purtroppo, si registrano 82 nuovi decessi: 45 uomini e 37 donne.

Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 3.103 (+213), delle quali 1.764 riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 1.339 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 13 residenti nella provincia di Piacenza, 19 in quella di Parma, 13 in quella di Reggio Emilia, 7 in quella di Modena, 13 in quella di Bologna (di cui 1 in territorio imolese), 4 a Ferrara, 3 a Ravenna, 4 nella provincia di Forlì-Cesena (di cui 2 nel forlivese), 6 in quella di Rimini.

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.020 a Piacenza (40 in più rispetto a ieri), 2.421 a Parma (26 in più), 3.505 a Reggio Emilia (153 in più), 2.867 a Modena (56 in più), 2.530 a Bologna (97 in più), 326 a Imola (1 in più), 563 a Ferrara (25 in più). In Romagna sono complessivamente 3.445 (45 in più), di cui 751 a Ravenna (5 in più), 600 a Forlì (15 in più), 481 a Cesena (8 in più), 1.613 a Rimini (17 in più).