Boom di reati relativi alla violenza di genere

Ci sono stati 44 casi di violenza sessuale, 485 di lesioni personali, 157 di maltrattamenti, 126 di atti persecutori e un femminicidio. Il questore

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – E’ boom di reati di genere in provincia di Reggio Emilia, dove l’anno scorso sono stati accertati 813 episodi. E’ uno dei dati forniti oggi dalla Polizia, che festeggia oggi il 168esimo anniversario della fondazione del Corpo nazionale. In dettaglio ci sono stati 44 casi di violenza sessuale, 485 di lesioni personali, 157 di maltrattamenti, 126 di atti persecutori e un femminicidio, (con vittima una giovane barista cinese). Il questore ha emesso 34 ammonimenti di cui 26 per stalking e sei per violenza domestica.

Nel bilancio dell’attivita’ svolta nel 2019 compaiono anche 612 situazioni in cui si sono configurati reati con presenza di minori, subiti, o commessi dagli stessi. La Polizia postale, inoltre, ha denunciato 93 persone dopo aver ricevuto 444 denunce dei cittadini che hanno riguardato 161 truffe online, 123 reati telematici e nove casi di pedopornografia. Infine la squadra Mobile ha arrestato 95 persone, di cui 71 per spaccio di droga e l’ufficio Immigrazione ha rilasciato circa 19.000 permessi di sooggiorno (211 le persone espulse dal Prefetto, di cui 64 accompagnate al Cpr o alla frontiera).

Le celebrazioni istituzionali per la tradizionale ‘festa’ della Polizia, causa coronavirus, si sono svolte, anche a Reggio Emilia, in forma simbolica con la deposizione di una corona in memoria dei caduti davanti al cippo posto nel cortile della Questura, da parte del Questore Giuseppe Ferrari e del Prefetto Maria Forte.

Proprio alla fase dell’emergenza sanitaria fa riferimento il Questore Giuseppe Ferrari, insediatosi lo scorso 24 febbraio, che dice: “Le straordinarie misure di contenimento messe in atto per contrastare la diffusione della polmonite da covid-19, hanno ed avranno inevitabili ricadute sulle attivita’ sociali ed economiche e sara’ pertanto essenziale porre in essere nuove strategie, volte al contrasto di eventuali tentativi, da parte di varie forme di criminalita’, di avvantaggiarsi della fase emergenziale, per raggiungere finalita’ illecite”.

Sebbene “si stia registrando una sensibile contrazione dei principali fenomeni criminali- conclude quindi il Questore- sara’ utile adeguare le modalita’ operative della Polizia di Stato”.

Più informazioni su