Spaccia cocaina con la mascherina: arrestato

In manette, di fronte a un bar di Coviolo, un 36enne albanese: a casa sua sono state trovate altre 43 dosi di stupefacente

REGGIO EMILIA – Pure il loro è un “mestiere” a contatto con il pubblico e così gli spacciatori hanno pensato bene di dotarsi di mascherina, bene peraltro introvabile di questi tempi. Lo strumento di protezione contro il Coronavirus non ha tuttavia salvato dall’arresto, per detenzione ai fini di spaccio, un albanese di 36 anni che è stato colto in flagranza, mentre cedeva una dose di cocaina, davanti a un bar chiuso per ‘emergenza Covid 19, della frazione di Coviolo.

E’ successo ieri pomeriggio quando i carabinieri, che si sono attivati in base ad alcune segnalazioni che riferivano di movimenti legati a una possibile attività di spaccio a Coviolo, sono andati sul posto e hanno visto, intorno alle 15, un uomo a piedi, con la mascherina calzata, che sostava nel piazzale davanti al bar chiuso della frazione. Nel frattempo è arrivata una Jaguar che ha parcheggiato poco lontano.

Quando hanno visto lo scambio di droga-soldi, i militari sono intervenuti bloccando i due. Il conducente della Jaguar, un 45enne reggiano, è stato trovato in possesso di due dosi di cocaina appena ricevute dal pedone, un 36enne albanese abitante poco lontano. I militari hanno poi accertato che l’albanese nascondeva negli slip altre due dosi di cocaina, mentre la perquisizione a casa dell’uomo ha permesso di trovare altre 43 dosi di cocaina già confezionate e pronte allo spaccio. I due, inoltre, sono stati denunciati per violazione del divieto imposto dal D.P.C.M. 9 marzo 2020.