I Civici e il M5S: “Rinviate l’approvazione del bilancio comunale”

Aguzzoli e la Rubertelli: "Documento che non riflette la realtà redatto e depositato prima dell’emergenza Covid-19"

REGGIO EMILIA – “Rinviate la discussione e l’approvazione del bilancio comunale prevista per il 31 marzo”. Lo chiedono, alla luce dell’emergenza Coronavirus e considerando che il termine di approvazione dei bilanci prevetivi dei Comuni è slittato al 30 aprile, Cinzia Rubertelli, capogruppo di Alleanza civica e Fabrizio Aguzzoli, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle.

Fa presente Aguzzoli: “Il documento è stato stato redatto e depositato prima dell’emergenza Covid-19 e quindi, si sappia fin d’ora che il suo contenuto non riflette assolutamente la realtà, che le previsioni di entrata sono inevitabilmente sovrastimate (a partire dal gettito delle criticatissime addizionale Irpef e tassa di soggiorno, per arrivare alle concessioni edilizie, multe, ecc.), le uscite sottostimate (si dovranno fare molti più interventi a sostegno del reddito delle famiglie rispetto a quelli preventivati) e gli investimenti previsti nel triennio andranno rimodulati, dato che le priorità sono cambiate ed è improbabile e inopportuno che, secondo le attuali previsioni, possano essere realizzati in buona parte entro la fine del 2020”.

E aggiunge: “Qualora la richiesta di rinvio non venga accolta, per evitare che la discussione si trasformi in un vuoto esercizio di stile, il Gruppo Cinque Stelle presenterà un ordine del giorno nel quale chiederà che, in questo momento difficile per cittadini e imprese, la Giunta si impegni, da un lato, a sospendere gli aumenti dell’Irpef e l’introduzione della tassa di soggiorno e, dall’altro lato, coinvolga quanto prima il Consiglio Comunale nella discussione delle modifiche da apportare al Bilancio Preventivo in sede di variazione, così da definire, con l’apporto costruttivo e condiviso di tutte le forze politiche, il modo nel quale la Città intende reagire alle sfide del Covid-19 e del post-emergenza”.

Secondo la Rubertelli “le entrate presunte sono inaffidabili a causa della crisi economica che colpirà inevitabilmente la fonte delle entrate del Comune, cioè i cittadini. Approvare i Bilanci il 31 marzo – come insiste la giunta e la maggioranza- è irresponsabile poiché per decreto c’è la possibilità di rinviare il tutto al prossimo 30 aprile. Settimane preziosissime per discutere un pacchetto di emendamenti, con larghe intese, per chiedere a tutti i servizi di valutare la sostenibilità di contenimento di spesa da destinare a fondi prudenziali per coprire mancate entrate e nuovi bisogni sociali”.

Continua la Civica: “Sul fronte entrate, le imposte subiranno un forte ridimensionamento a causa delle perdite di tante attività. Le famiglie in crisi, ad esempio, potranno pagare e in che misura le rette degli asili? Assisteremo a un calo drastico degli incassi dei Teatri, delle entrate da parcheggi e contravvenzioni. È tre settimane che chiediamo al presidente Matteo Iori di rinviare la convocazione del Consiglio comunale sul Bilancio. Lunedì si terrà la conferenza dei capigruppo: l’auspicio è che si trovi unità d’intenti per rinviare il Consiglio di alcune settimane, il tempo utile per scrivere gli emendamenti finalizzati al contenimento delle spese e la creazione dei fondi per l’emergenza Coronavirus”.